sponsored links

Piccolo Museo del Diario

Piazza Plinio Pellegrini 1 - Pieve Santo Stefano
Toscana, Italy
Telefono: +39 (0)575797730
Sito: http://www.piccolomuseodeldiario.it
Chiuso il: Aperto tutti i giorni tranne Sabato e Domenica mattina
Tipologia: Storia

Custodire e raccontare la memoria | il Piccolo Museo del Diario

C’è un posto dove si può imparare la Storia senza leggerla sui libri: la Storia che ognuno di noi ha dovuto studiare, a volte controvoglia, sui manuali della scuola, nel Piccolo Museo del Diario è raccontata attraverso le testimonianze e la vita delle persone comuni.

Il Museo è una esposizione permanente pensata per mettere in mostra e valorizzare le oltre 7000 storie scritte, raccolte e conservate fin dal 1984 presso l’Archivio Diaristico Nazionale.

L’Archivio Diaristico Nazionale è stato fondato dal giornalista e scrittore Saverio Tutino (1923-2011) nel paese di Pieve Santo Stefano, in provincia di Arezzo.
Nel 1944, dopo aver espulso tutti i suoi abitanti il paese venne quasi totalmente raso al suolo dalle truppe Naziste; dell’antico nucleo storico solo la chiesa e il palazzo comunale sopravvissero. Al loro ritorno dall’esilio gli abitanti trovarono che le loro case, ed insieme a loro una parte rilevante della loro memoria, non esistevano più.

piccolo-museo-diario-ferrero

Una delle sale della mostra permanente del Piccolo Museo del Diario, foto courtesy dot.dot.dot

piccolo-museo-diario-alfabeto-dot-dot-dot-burroni

piccolo-museo-diario-alfabeto-3-dot-dot-dot-burroni

piccolo-museo-diario-alfabeto-2-dot-dot-dot-burroni

L’installazione portatile “l’alfabeto della memoria”, foto courtesy dot.dot.dot

L’archivio, prendendo lo spunto dalla volontà di risarcire una parte di quel patrimonio perduto, si pone l’obbiettivo di celebrare e far conoscere quei piccoli archivi della memoria rappresentati dai diari, i messaggi d’amore, i racconti autobiografici e le lettere personali scritti da persone comuni di tutta Italia.

La mostra permanente del Museo del Diario è realizzata attraverso una serie di spazi immersivi, progettati con l’intento di accompagnare i visitatori dentro la narrazione: spazi realmente multisensoriali, nei quali la fisicità degli oggetti evocatori – le cassettiere, i tavoli, gli oggetti domestici – esalta la potenza della parola e si salda con voci, suoni, riflessi della luce.

Il percorso permanente, con le installazioni progettate dallo studio dot.dot.dot. dal 2013, si evolve e si amplia di anno in anno; l’ultimo spazio aperto al pubblico la stanza del lenzuolo, inaugurato a metà settembre 2016, arricchisce ulteriormente la narrazione basata su diari, epistolari, memorie autobiografiche di persone sconosciute che hanno lasciato traccia delle loro vite.

piccolo-museo-diario-lenzuolo-dot-dot-dot-burroni

“La stanza del lenzuolo”, foto courtesy dot.dot.dot

piccolo-museo-diario-terra-matta-dot-dot-dot-ferrero

piccolo-museo-diario-terra-matta-2-dot-dot-dot-ferrero

L’installazione “Terra Matta”, foto courtesy dot.dot.dot

Il fruscio degli altri – la sala dedicata all’archivio, è un vivaio di memorie, confessioni e segreti nascosti in scaffali e cassetti pronti per essere svelati. Il visitatore vive un’esperienza di immersione visiva e sonora perché i diari bisbigliano, si parlano, generando un fruscio di vite e memorie di persone presenti e assenti.

piccolo-museo-diario-fruscio-3-dot-dot-dot-ferrero

piccolo-museo-diario-fruscio-dot-dot-dot-giunta

piccolo-museo-diario-fruscio-2-dot-dot-dot-ferrero

piccolo-museo-diario-fruscio-dot-dot-dot-ferrero

L’installazione “Il fruscio degli altri”, foto courtesy dot.dot.dot

piccolo-museo-diario-ferrero-esterno


Cosa ne pensate di questo museo?
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 4,71 out of 5)
Loading...

Tecnologie di comunicazione digitale nella cultura e nella didattica

Tecnologie di comunicazione digitale nella cultura e nella didattica

Tecnologie di comunicazione digitale nella cultura e nella didattica



link sponsorizzato

Questo sito utilizza cookie e raccoglie dati personali per fornire i suoi servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca sul link alla nostra cookie policy. Cliccando il pulsante “Accetta” o scorrendo questa pagina presti il consenso all’uso di tutti i cookie e dei dati. Puoi ritirare il tuo consenso in ogni momento scrivendo a info@inexhibit.com more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close