link sponsorizzato

Biennale d’Arte di Venezia 2015 – All the World’s Future – Indice

Venice-Biennale-2015-inexhibit-01

All the World’s Futures, l’ingresso dell’Arsenale.  Foto © Inexhibit, 2015

La Biennale di Venezia | 56° Mostra Internazionale d’ arte | All the World’s Futures

Il tema

Dal 9 maggio al 22 novembre 2015 sarà aperta al pubblico la 56° esposizione internazionale d’arte, dal titolo All the World’s Futures, diretta da Okwui Enwezor e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta dal Paolo Baratta. Questa edizione della Biennale d’arte celebra anche il 120° anno dalla prima esposizione del 1895.

Nato in Nigeria nel 1963, Enwezor è attualmente il direttore della Haus Der Kunst di Monaco di Baviera, ed è uno dei più noti curatori e critici d’arte al mondo.

Venice-Biennale-2015-inexhibit-04

Il Padiglione Centrale ai Giardini. Foto © Inexhibit, 2015

La mostra è come sempre allestita nelle due sedi storiche principali, dei Giardini di Castello e dell’Arsenale, ma coinvolge anche prestigiose sedi in tutta Venezia, dove sono ospitate le rappresentanze di molte nazioni e dove sono allestite mostre ed eventi collaterali.
All the world’s futures forma un grande e unitario percorso espositivo che si articola dal Padiglione Centrale dei Giardini all’Arsenale, includendo le partecipazioni di 53 paesi.

All the world’s futures
Okwui Enwezor ha messo in evidenza il ruolo storico della Biennale di Venezia, che si è sempre posta come luogo di confluenza dei cambiamenti socio politici e delle fratture in campo artistico, culturale, politico ed economico; fin dalla prima edizione del 1895, quando si aprì in uno scenario segnato dai movimenti di massa nati in risposta alle trasformazioni innescate dalla seconda rivoluzione industriale.

SONY DSC

Il Padiglione Centrale dei Giardini. Hans Haacke, Blue Sail 1964-1965. Foto © Inexhibit, 2015

I grandi passaggi degli ultimi due secoli: dalla modernità industriale a quella post industriale, dagli sviluppi della tecnologia all’era digitale, dalle migrazioni di massa alla “mobilità di massa”, dai disastri ambientali alle guerre genocide,  hanno prodotto spunti e riflessioni per generazioni di artisti, registi, scrittori, musicisti.  Ma le fratture del nostro tempo, segnato dalla crisi economica, dalle catastrofi umanitarie, dalle disparità sociali e dalle politiche secessioniste, non sono meno evidenti di quelle del passato.
Il progetto di Enwezor per questa biennale parte dunque dall’urgenza di fare il punto sullo “stato delle cose”.

Venice-Biennale-2015-inexhibit-02

Arsenale – Kutluğ Ataman, The portrait of Sakip Sabanci, 2014. Foto © Inexhibit, 2015

Riconoscendo la complessità attuale, il curatore rifiuta un tema omnicomprensivo e propone un’esposizione che fa convivere una molteplicità di contenuti, sia dal punto di vista temporale- con opere del passato e del presente, molte delle quali commissionate per questa occasione – che di linguaggio.
Il cuore di questa visione è lo spazio dell’Arena, nel Padiglione Centrale, che sarà la scena di letture, performance, concerti e piece teatrali, che proporranno visioni sincroniche e diacroniche della società contemporanea.

Venice-Biennale-2015-inexhibit-03

Lo spazio dell’ Arena nel Padiglione centrale dei Giardini. Nella foto un momento della lettura del Capitale di Karl Marx che, iniziata il 6 maggio, procederà per tutta la durata della biennale d’arte.  Photo © Inexhibit, 2015.


Padiglioni nazionali e mostre


link sponsorizzato

i nostri articoli su Biennale d’Arte di Venezia 2015 – All the World’s Future – Indice

56a Biennale Arte – Due installazioni dalla Cina

56a Biennale Arte – Due installazioni dalla Cina

Biennale di Venezia Arte 2015. Due opere all' Arsenale di celebri artisti cinesi, The Phoenix di Xu Bing e Con il vento 2015 E' una tua scelta di Liu Jiakun
case-studies
56a Biennale Arte | Giappone – Gran Bretagna – Rep. Ceca

56a Biennale Arte | Giappone – Gran Bretagna – Rep. Ceca

56a Biennale d'arte di Venezia 2015: i padiglioni di Giappone, Gran Bretagna, Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca ai Giardini di Castello
case-studies
Biennale Arte Venezia 2015 | Francia – Austria – Olanda

Biennale Arte Venezia 2015 | Francia – Austria – Olanda

56° biennale d'arte di Venezia. Padiglioni ai Giardini di Castello: Francia, Céleste Boursier-Mougenot ; Austria, Heimo Zobering e Olanda, Herman de Vries
case-studies
Biennale Arte Venezia | Australia – P. Nordici – USA

Biennale Arte Venezia | Australia – P. Nordici – USA

56° biennale d'arte di venezia. Il nuovo padiglione dell'Australia di Denton Corker Marshall, e uelli dei Paesi Nordici e degli Stati Uniti d'America
case-studies
Biennale Arte Venezia | Russia-Germania-Svizzera

Biennale Arte Venezia | Russia-Germania-Svizzera

Biennale di Venezia Arte 2015, i padiglioni di Russia - Irina Nakhova, Svizzera - Pamela Rosenkranz e Germania - Nicolai, Zielony, Metwaly + Rizk, Steyerl
case-studies
Il design guarda avanti – 9 storie dal Veneto

Il design guarda avanti – 9 storie dal Veneto

Nel Padiglione Venezia dei Giardini una mostra intitolata Guardando avanti. L'evoluzione dell'arte del fare. 9 storie dal Veneto: digitale-non solo digital
case-studies
Le stanze della memoria | Biennale Arte 2015

Le stanze della memoria | Biennale Arte 2015

Codice Italia, la mostra al Padiglione Italia della Biennale di Venezia Arte 2015, è un viaggio nella memoria, ispirato dal Mnemosyne Atlas di Aby Warburg
case-studies
Venezia | Biennale d’Arte – Padiglione Centrale

Venezia | Biennale d’Arte – Padiglione Centrale

Il motore di "All the world's future" è lo spazio dell'Arena, progettata da David Adjaye, al centro del Padiglione Centrale dei Giardini di Castello
case-studies
Venezia | La politica è tornata alla Biennale d’Arte

Venezia | La politica è tornata alla Biennale d’Arte

Comprendere la 56° Biennale d'Arte di venezia può non essere facile. Di sicuro la politica è tornata al centro della Biennale curata da Okwui Enwezor
case-studies
Venezia | padiglione Swatch di Joana Vasconcelos

Venezia | padiglione Swatch di Joana Vasconcelos

"Il Giardino dell' Eden" è un' installazione di Joana Vasconcelos, nel padiglione Swatch ai Giardini della Biennale, composta da misteriosi fiori luminosi
case-studies

Di più su Venezia

Venezia

Venezia


link sponsorizzato