link sponsorizzato

Salò | arte e design autoprodotto dal 17 al 26 giugno sul lago di Garda

Design-autoprodotto-salo-cover-image

Salò | arte e design autoprodotto dal 17 al 26 giugno sul lago di Garda

Appuntamento sul lungolago di Salò dal 17 al 26 giugno: il Salone Domus, ampio spazio espositivo accanto al Duomo, ospita una collettiva di artisti e designers autoproduttori italiani.

FATTOAMANOCREMONA è l’associazione che firma questa quarta edizione di Arte 3.0 tutta dedicata all’home design, al gioiello contemporaneo, alle realizzazioni sostenibili e all’upcycling.
Otto i designers-artigiani che hanno indirizzato il loro talento alla produzione in proprio di oggetti e complementi d’arredo: Giovanna Besostri, Patrizia Bonati, Maria Scarognina, Terrestre (Bianchini & Lusiardi Associati), Emiliana Triglia, Federico Bianchi, Serena Brigati, Nelly Bonati.

Design-autoprodotto-Arte-3-0-Salo-2019-Besostri-P-Bonati

A sinistra: Giovanna Besostri. Poliedrica e sempre alla ricerca di nuovi stimoli per soddisfare la sete di sperimentazione. Filo conduttore la creatività, sia che si tratti di vetrofusione che di metallo o di stampa ecoprint, come in questa collezione. Presenta una serie di pannelli decorativi realizzati a mano il cui spunto è il mondo vegetale.
A destra: Patrizia Bonati. Del gioiello contemporaneo è paladina sin da quando ha cominciato l’ attività di orafa nel centro storico a Cremona. Ha esposto in tutto il mondo e ricevuto numerosi riconoscimenti per aver messo a punto nuove tecniche orafe come i fili in oro “elastici”. Presenta una collezione di anelli e gioielli in argento e oro in lastra, cesellati e smaltati a fuoco in colore bianco. Da provare per illuminare la giornata.

Design-autoprodotto-Arte-3-0-Salo-2019-Terrestre-Scarognina

A sinistra: Terrestre re-lamps è la collezione di lampade con diffusori in carta lavorata a mano e basi in legno massello proposta dallo studio di architettura Bianchini & Lusiardi associati. Ogni lampada è un pezzo unico: i diffusori sono ottenuti dalla sovrapposizione, intaglio, intreccio e piegatura del materiale, in parte recuperato.
A destra: Maria Scarognina. Lavora con la vetrofusione, la rilegatura a piombo e la tecnica Tiffany: il vetro è il mezzo espressivo di questa artigiana creatrice affascinata dai materiali e dalle tecniche artistiche sin da bambina. Presenta lampade con un gusto senza tempo e bracciali con figure femminili delicate e stilizzate.

Design-autoprodotto-Arte-3-0-Salo-2019-E-Triglia-Bianchi

A sinistra: Emiliana Triglia. La passione per la montagna e per gli spazi infiniti a contatto con la natura si condensano nella sua espressione artistica. Presenta in questa occasione i “Racconti di Bretagna”: impressioni di viaggio tradotte in opere dalle sfumature cariche di luci e di ombre, di pathos e di poesia. Una dichiarazione d’amore per la natura e per il mare, per l’acqua e per il vento.
A destra: Federico Bianchi. Artista a tutto tondo, oltre al lavoro sulla tela si esprime con i materiali di recupero, soprattutto metallo, che utilizza sapientemente padroneggiando tecnica e sensibilità per le forme per realizzare le sue collezioni. Con la serie de “il pollaio” le creature del cortile sono colte in un fermo immagine di grande suggestione.

Design-autoprodotto-Arte-3-0-Salo-2019-Brigati-N-Bonati

A sinistra: Serena Brigati. Restauratrice e artigiana ha realizzato una linea di abiti con tessuti serigrafati e una serie di gioielli che trae ispirazione dall’esperienza maturata nei cantieri di restauro. Il materiale grezzo o di scarto acquista nuova dignità nei pezzi unici e nelle piccole sculture che oscillano tra immaginifiche superfici lunari e concreti calcestruzzi industriali realizzati con un mix di polveri, metalli e resina attraverso una lavorazione attenta alla ricerca di nuove esperienze sensoriali.
A destra: NellyBonati. Architetto-designer si dedica da sempre alla autoproduzione con interesse particolare verso i materiali edili: in particolare la terra cruda e il gesso con i quali realizza la collezione di vasi crudoSIstema, la plastica ‘upcycled’ e i materiali trovati in riva al mare per le collane PLAySTIC, con aggiunta di vetro di Murano, il tessile recuperato o acquisito durante viaggi-ricerca in terre lontane per le collezioni ALItessili e Mini-dress.

Arte 3.0
Salone DOMUS – Piazza Duomo, Salò (Brescia)
Aperto al pubblico dal 17 al 26 giugno 2019
Orari di apertura: 10.30-13.30 /17.30-22,30 (il 26 giugno: 10.30-13.30)

www.fattoamanocremona.org
FB/ instagram:  fattoamanocremona


link sponsorizzato



copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474