Gli anni di Christo e Jeanne Claude a Parigi in mostra al Centro Pompidou dal 1° luglio

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Petit-cheval

Gli anni di Christo e JeanneClaude a Parigi in mostra al Centro Pompidou dal 1°luglio

A partire da mercoledì 1° luglio 2020, il Centre Pompidou presenta una mostra dedicata agli anni – fra il 1958 e il 1964 – che gli artisti Christo e JeanneClaude trascorsero a Parigi, e alle vicende della realizzazione dell’opera “The Pont-Neuf Wrapped, Paris, 1975-1985“, ovvero l’impacchettamento del Pont-Neuf.
L’evento è anche un preludio alla mostra “L’Arco di Trionfo avvolto” (Progetto per Parigi, Place de l’Étoile – Charles de Gaulle) che sarà allestita dal 18 settembre 2021.

copertina: Petit cheval empaqueté [piccolo cavallo avvolto],1963.
tessuto, spago, corda, cavallo giocattolo su ruote, 40.6 × 50.8 × 12.7 cm
The Private Collection of the late Jan van der Marck, USA
© Christo 1963. Foto © Dirk Bakker

La prima sezione dell’esposizione presenta circa 80 opere dal 1958, anno in cui Christo e JeanneClaude si incontrarono, al 1964, quando si trasferirono a New York.
I sette anni vissuti a Parigi furono essenziali per lo sviluppo del lavoro di Christo, poiché proprio in quel periodo l’artista si libera dai ‘confini del dipinto’ e inizia ad avvolgere oggetti di uso quotidiano e a creare opere d’arte temporanee negli spazi pubblici. In questi anni Christo inizia anche a concepire opere d’arte a dimensione monumentale, immaginando progetti temporanei per la città.

La seconda sezione,’The Pont-Neuf Wrapped Documentation Exhibition‘, ripercorre il periodo che precede la realizzazione dell’opera i “The Pont-Neuf Wrapped, Paris, 1975-1985” attraverso una collezione di disegni originali e collage, modelli e fotografie, documenti, studi di ingegneria e componenti originali del progetto realizzato. La mostra include anche la proiezione del film ‘Christo in Paris‘ (1990) dei fratelli Maysles, che documenta i dieci anni di Christo e JeanneClaude dedicati a ‘The Pont-Neuf Wrapped’ e racconta la biografia di questa straordinaria coppia che ha prodotto alcuni delle opere più spettacolari del 20 ° e 21 ° secolo.

Empaquetages [pacchetti]
La cronologia precisa della pratica artistica di Christo a Parigi non è semplice da stabilire. Per quanto riguarda i suoi Empaquetages [pacchetti], questi sono stati sviluppati a partire dal 1960 in poi. Tuttavia, la premessa di questo lavoro risale probabilmente al soggiorno dell’artista a Ginevra, prima del suo arrivo a Parigi, dato che una dei prime opere di questo tipo, realizzata in carta, è datata 1958. In seguito Christo ha scelto di avvolgere gli oggetti con il tessuto, che ha sperimentato a lungo pur senza abbandonare le sue ricerche precedenti. L’artista ha focalizzato la sua attenzione sugli effetti di diversi tipi di trame, sulla brillantezza o l’opacità del tessuto, sulla sua setosità, rugosità e sul colore insieme all’ attenzione per corde e spago, scelti sempre con molta cura.

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Package

Empaquetage [Pacchetto],1961.
Tessuto, spago, cordoncino e vari oggetti, 47.5 × 42.5 × 22.8 cm
National Gallery of Art, Washington, Dorothy and Herbert Vogel Collection, 1999.4.1
© Christo 1961. Foto © National Gallery of Art, Washington, NGA Images

Christo in Paris [Christo a Parigi] Un film di Albert e David Maysles – 1990
I fratelli Albert e David Maysles hanno accompagnato Christo e JeanneClaude dagli anni ’70 in poi, filmando le fasi dello sviluppo di molti dei loro progetti. Il loro “cinema diretto” ha permesso di immortalare i momenti più spettacolari ma anche i dettagli più concreti dei progetti in corso.
Una delle loro opere principali, ‘Christo a Parigi’, presentata al centro della mostra, è stata completata nel 1990. Il film racconta l’avventura del processo di impacchettamento del Pont-Neuf sin dai suoi inizi, mixandola abilmente alla storia biografica di Christo e JeanneClaude per permettere allo spettatore di entrare nella vita del duo.

Centre-Pompidou-Paris-Christo-in-Paris-the-movie-1990

Christo in Paris,1990
Registi: Albert Maysles, David Maysles, Deborah Dickson e Susan Froemke
16 mm, colore, suono, 58 minuti.
© Maysles Films, Inc

The Pont-Neuf Wrapped, Parigi, 1975-1985. Mostra dei documenti
La seconda sezione della mostra è tutta dedicata alla storia del grande progetto urbano di Christo e JeanneClaude per Parigi. La sezione è formata da una collezione di 337 contenuti, tra cui 36 disegni e collage originali, un modello in scala, documenti d’archivio originali, componenti ingegneristici e circa duecento fotografie di Wolfgang Volz.
Già nel 1975 Christo e Jeanne-Claude svilupparono l’idea di avvolgere il Pont-Neuf usando teli in poliammide dorata per coprire i lati, i 12 archi, i parapetti, i bordi, i marciapiedi (i visitatori camminavano sul tessuto), i 44 lampioni, le superfici verticali dell’isola centrale sulla punta dell’Île de la Cité e dell’Esplanade du Vert-Galant. “Per oltre 400 anni il Pont-Neuf è stato oggetto di centinaia di opere d’arte“, afferma Christo. “Quando è stato avvolto, per due settimane, è diventato un’opera d’arte stessa.”
Possiamo affermare che dopo Jacques Callot, Turner, Renoir, Brassaï, Pissarro, Picasso e Marquet, Christo e JeanneClaude hanno aggiunto un nuovo capitolo alla storia del ponte parigino, concependo un opera d’arte temporanea profondamente connessa al tessuto urbano e alla vita della città. L’opera ha sottolineato la struttura architettonica del ponte e ha offerto un diverso approccio alla sua dimensione, alla relazione con l’ambiente circostante, alla sua funzione e al modo in cui interagiamo con esso.
Come tutte le opere temporanee di Christo e Jeanne-Claude, ‘The Pont-Neuf Wrapped, Paris, 1975-1985’, è stato esposto per un periodo molto breve – dal 22 settembre al 6 ottobre 1985 – e ha richiesto ingenti risorse tecniche e umane, dopo dieci anni di negoziati con politici e residenti.

Va detto che i progetti temporanei su larga scala di Christo e JeanneClaude sono sempre stati finanziati esclusivamente attraverso la vendita degli studi preparatori originali di Christo, disegni
e collage, modelli in scala e opere degli anni ’50 e ’60 e che gli artisti non hanno mai ricevuto finanziamenti pubblici o privati.

La mostra ‘Christo and Jeanne-Claude. Paris!’ è curata da Sophie Duplaix.

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Pont-Neuf-1985-drawing

The Pont-Neuf Wrapped (Progetto per Parigi)
Disegno, 1985
Matita, pastello, carboncino, pastello a cera, inchiostro e colla su carta montata su cartone
38 × 244 cm e 106.6 × 244 cm / Collezione dell’ artista / © Christo 1985 /
Foto © Philippe Migeat

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Pont-Neuf-scale-model-of-the-project-1981-91

The Pont-Neuf Wrapped (Progetto per Parigi)
Modellino in scala, 1981-1991
Vista del modello di ‘The Pont-Neuf Wrapped’ per la presentazione nella vetrina di Samaritaine, Parigi, Ottobre 1981. Legno, tessuto, schiuma sintetica, filo, Plexiglas, nastro adesivo e colla / 82 × 611 × 478 cm / © Christo 1981 / foto © All rights reserved.

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Pont-Neuf-1985-climbers

Gli scalatori attaccano il tessuto sotto uno degli archi e regolano la tensione delle cinghie cucite sul tessuto facendolo aderire alla volta [16-22 settembre 1985].
© Christo 1985 / foto © Wolfgang Volz

Centre-Pompidou-Paris-Christo-Pont-Neuf-1985

The Pont-Neuf Wrapped, Paris 1975-1985
© Christo 1985
Foto © Wolfgang Volz

Christo and Jeanne-Claude. Paris!
Dal 1° luglio al 19 ottobre 2020
Centre Pompidou – Place Georges Pompidou, 75000 Parigi
(Galleria 2, Livello 6 )

Images courtesy of Centre Pompidou 


link sponsorizzato


Altro a Parigi

Parigi

Parigi


copyright Inexhibit 2020 - ISSN: 2283-5474