link sponsorizzato

Venezia: alla Giudecca nasce GAD, nuovo quartiere permanente per l’arte contemporanea

By FEDERICA LUSIARDI - 2019-05-05

GAD-Venezia-exhibition-spaces-02

Alla Giudecca, il 9 maggio 2019 inaugura GAD – Giudecca Art District, progetto fondato da Pier Paolo Scelsi, Direttore Generale e Valentina Gioia Levy, Direttore Artistico.

GAD propone una programmazione permanente di progetti espositivi ed eventi culturali mirata a coinvolgere le realtà operanti nell’isola e nel contesto più ampio della città di Venezia, ma anche ad intercettare e far convergere alla Giudecca progetti di qualità in collaborazione con partner nazionali e internazionali.

GAD-Venezia-exhibition-spaces-01

Sopra: GAD, immagine interna ed esterna dello spazio espositivo


La Giudecca
Come altre città europee, Venezia nel XIX secolo è stata coinvolta in un processo di rinnovamento urbano dettato da profondi cambiamenti sociali e industriali.
Questo rinnovamento ha interessato in particolare l’isola di Spina Lunga, antico nome della Giudecca, che grazie alla sua posizione ha visto l’insediamento di nuove attività produttive: concerie, mulini, birrifici, fabbriche artigianali, stabilimenti chimici e cantieri navali.
Queste attività, e gli spazi sorti per ospitarle, hanno radicalmente cambiato l’aspetto dell’isola, proiettando una dimensione industriale all’interno della laguna.
Il tessuto urbano contemporaneo dell’isola è la stratificazione dei cambiamenti di quel momento storico e delle successive trasformazioni avvenute nel ventesimo secolo.
In questo contesto, l’obiettivo di Giudecca Art District è di dar vita a un polo artistico originale, lontano dal clamore del turismo di massa, facendo perno proprio sugli spazi legati ad un’estetica industriale tipica del nord Europa contemporaneo.


sponsored links

Giudecca-redentore-vista dall'alto

giudecca-Venezia-bird-eye-view

Vista della Giudecca con la chiesa del Santissimo Redentore progettata da Andrea Palladio; e un’immagine aerea di Venezia con l’isola della Giudecca sulla sinistra.


Il progamma
Durante la Biennale d’Arte di Venezia
, gli spazi aderenti al distretto GAD ospiteranno sia progetti indipendenti sia progetti espositivi ed eventi culturali inseriti all’interno del programma 2019 Take Care of Your Garden. Cultivating a New Humanism, a cura di GAD.
Tra le opere in mostra spicca l’istallazione Body as Home dell’artista Aleksandra Karpowicz e dell’October! Collective. Curata da Miguel Mallol, Body as Home è una video istallazione che narra un viaggio di scoperta, ricerca di identità, migrazione, ed esplorazione dell’idea di casa, filmato in quattro città: Città del Capo, Londra, New York, Varsavia.

Il programma, che rispecchia una precisa linea curatoriale e identità artistica contemporanea, prevede, da maggio a dicembre 2019, una serie di progetti tra cui performance, video-proiezioni e  installazioni all’aperto organizzate in collaborazione con istituzioni, fondazioni, gallerie e centri culturali internazionali.

GAD-Giudecca-Venezia-Body as Home-Still-image-from-video-19

GAD-Giudecca-Venezia-Body-As-Home -Installation-Mock-Up2

Aleksandra Karpowicz e October! Collective, “Body as Home”, immagine tratta dal video e mockup dell’installazione.

GAD – Giudecca Art District
inaugurazione, giovedì 9 maggio 2019, ore 18.00 / 23.00
Per il programma di mostre ed eventi di Giudecca Art District rimandiamo al sito web www.giudecca-art-district.com.

Tutte le immagini sono per gentile concessione di GAD


link sponsorizzato


58° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia | May You Live in Interesting Times

58° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia | May You Live in Interesting Times

58° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia | May You Live in Interesting Times



copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474

Questo sito usa cookie propri e di terze parti. I cookie sono comunemente utilizzati per il funzionamento corretto del sito (cookie tecnici), per misurare le preferenze di navigazione degli utenti (cookie statistici) e per la pubblicità (cookie di profilazione). I nostri lettori hanno il diritto di non accettare cookie statistici e di profilazione. Ma, abilitando tutti i cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza miglioreCookie policy