Museo dell’ Acropoli | Atene

15 Dionysiou Areopagitou Street, Athens
Attica, Greece
Email: info@theacropolismuseum.gr
Telefono:+30 210 9000900
Website: http://www.theacropolismuseum.gr/en
chiuso il: aperto tutti i giorni
Tipologia: Archeologia, Arte

Il Museo dell’Acropoli di Atene (Μουσείο Ακρόπολης) è uno dei più celebri musei archeologici e di arte al mondo, con una collezione che copre oltre 1.500 anni ed un edificio imponente, progettato dall’architetto svizzero-americano Bernard Tschumi.

Storia ed architettura, il progetto di Bernard Tschumi

La lunga storia del Museo dell’Acropoli di Atene ha inizio nel 1863 quando, 30 anni dopo che la guarnigione turca aveva lasciato Atene, le autorità locali decisero di realizzare un piccolo museo accanto all’ Acropoli.

Da allora si sono susseguite varie ipotesi ma, a parte l’estensione del vecchio museo, nessuna è stata realizzata. Solo nel 2000 è stato bandito un concorso internazionale per la realizzazione del nuovo  museo dell’Acropoli: il progetto scelto, dell’architetto Bernard Tschumi in team con lo studio greco di Michael Photiadis, è stato realizzato e inaugurato nel 2007, dotando finalmente la città di un museo lungamente atteso, per uno dei più rilevanti siti archeologici al mondo.

acropolis museum athens Bernard Tschumi model

Modello in scala del Museo dell’Acropoli ad Atene; foto fornita da Michael Photiadis Associate Architects


sponsored links

acropolis museum athens 01

acropolis-museum-athens-05

In alto: il nuovo museo visto dall’Acropoli; foto di Gorjan Kulosman. In basso: vista ravvicinata dell’edificio; © Acropolis Museum. foto Nikos Daniilidis

Uno dei vincoli del progetto, e anche una delle ragioni del lungo iter realizzativo, è stata la presenza di scavi archeologici all’interno del sito.  Ovviamente il museo non è situato sull’Acropoli ma alla sua base, sul lato sud est della collina; tuttavia un rilevante insediamento risalente all’età del Bronzo  è stato rinvenuto nel luogo previsto per il nuovo museo, l’area Makryianni.
La necessità di integrare correttamente tali ritrovamenti ha profondamente condizionato, ma anche ispirato, il progetto di Tschumi e del suo team.

acropolis museum athens Tschumi general section

Questa sezione mostra chiaramente la relazione fisica e visuale tra il Partenone (a destra) ed il Museo dell’Acropoli; immagine: Bernard Tschumi Architects

acropolis museum athens 11

acropolis museum athens 02

In alto: la facciata d’ingresso del museo al tramonto © Acropolis Museum. foto Nikos Daniilidis. In basso; gli scavi archeologici in-situ sono visibili attraverso una grande asola tagliata nella soletta di pavimento subito prima dell’ingresso principale; foto: Duncan Hull

Gli scavi archeologici, il viaggio inizia

L’edificio del museo, formato da tre livelli e da un mezzanino è sospeso sopra il luogo degli scavi, appoggiato a pilastri accuratamente disposti in modo da non interferire con i ritrovamenti; in un certo senso il livello degli scavi, che non è attualmente visitabile, costituisce un ulteriore piano dell’edificio e può essere percepito attraverso le grandi aperture presenti a livello del percorso d’ingresso. La forte relazione visiva con gli scavi rende l’ingresso al museo l’inizio di un percorso nel tempo, che Tschumi ha previsto in fase di progetto.
Il piano d’ingresso ospita la lobby, spazi per mostre temporanee, servizi per i visitatori e un auditorium.

acropolis museum athens Bernard Tschumi sketch

Uno schizzo di Bernard Tschumi che mostra come il Museo dell’Acropoli sia composto da tre parti fondamentali – il sito archeologico, le sale espositive principali e la Galleria del Partenone – impilate l’una sull’altra

acropolis museum athens excavations

Una serie di aperture vetrate tagliate nel pavimento dell’atrio d’ingresso permettono di apprezzare gli scavi archeologici al piano sottostante; foto fornita da Michael Photiadis Associate Architects

acropolis-museum-athens-07

Statue di Nike © Museo dell’Acropoli, foto Nikos Daniilidis

acropolis-museum-athens-10

Le Cariatidi © Acropolis Museum; foto Nikos Daniilidis

La mostra permanente: un viaggio circolare attraverso il tempo

Il Museo dell’Acropoli possiede una straordinaria collezione di sculture, realizzate dal Periodo Greco Arcaico all’Epoca Romana nel corso di oltre quindici secoli, suddivise in cinque sezioni cronologiche.

La mostra permanente del museo presenta reperti provenienti dall’ Hekatompedon (il primo edificio costruito sull’Acropoli), dai Propilei, dal Tempio di Athena Nike, dall‘Eretteo, dal Santuario di Artemis Brauronia ed, ovviamente, dal Partenone (il tempio di Athena Parthenos).

Dall’atrio del museo, attraverso una grande rampa in cristallo che domina gli scavi sottostanti, delimitata da reperti rinvenuti sulle pendici dell’Acropoli, i visitatori possono raggiungere un livello a doppia altezza dove una prima galleria, dedicata al periodo “arcaico”,  testimonia  le origini dell’Acropoli come centro religioso

Il percorso sale poi attraverso una scala al livello più alto del museo, che ospita la Galleria del Partenone.
Il volume della galleria è ruotato rispetto al livello inferiore in modo da replicare l’orientamento del Partenone stesso così da mostrare i reperti provenienti dal tempio secondo il loro orientamento originario.

acropolis museum athens Bernard Tschumi aerial

Questa vista aerea della collina dell’Acropoli e del nuovo edificio museale rende evidente come l’ultimo piano del museo (che ospita la Galleria del Partenone) sia stato progettato per replicare l’orientamento del tempio; foto fornita da Michael Photiadis Associate Architects

acropolis-museum-athens-14

The Archaic Gallery © Acropolis Museum. Photo Nikos Daniilidis

Il fregio del Partenone, costituito sia da pezzi originali che da copie dei reperti attualmente conservati a Londra, è montato su un grande volume rettangolare le cui dimensioni e proporzioni ricalcano esattamente quelle della cella del tempio che un tempo il fregio adornava.  Nella sala, una serie di grandi finestre permette una relazione visiva diretta tra le opere in mostra da un lato e l’Acropoli ed il Partenone dall’altro.

From the museum upper level, the route continues, progressing in time, and descends to the level underneath, where pieces dating from the Classic age to the Roman period are displayed, eventually returning to the entrance level, thus closing the exhibition circular itinerary across space and time.

Da questo livello del museo il percorso prosegue ancora, fisicamente e cronologicamente, scendendo al livello inferiore dove sono esposti  i pezzi databili dall’età classica al periodo romano e, infine, scendendo al livello di ingresso, a chiusura di un percorso idealmente circolare attraverso lo spazio e il tempo.

acropolis museum athens 18

View of the Parthenon Hall; photo courtesy of Michael Photiadis Architects

acropolis-museum-athens-13

acropolis museum athens 12

acropolis museum athens 17

Sopra, al centro ed in basso: La Galleria del Partenone © Acropolis Museum. foto Nikos Daniilidis

acropolis museum athens Bernard Tschumi sketch 2

Uno schizzo di Tschumi che illustra la struttura circolare del percorso di vita al Museo dell’Acropoli

Un museo permeato dalla luce naturale

“gli elementi che danno vita al Nuovo Museo dell’Acropoli fanno perno sulla luce naturale – più che in ogni altro tipo di museo (…) I nuovi spazi espositivi possono essere descritti come parte di un museo fatto di luce naturale, per quanto riguarda la presentazione delle opere scutoree esposte al suo interno, il cui aspetto si trasforma continuamente nel corso della giornata.” (Bernard Tschumi)


L’uso della luce naturale è uno degli aspetti più rilevanti del progetto di Tschumi.
Dato che il Museo dell’Acropoli è in larga parte un museo di sculture, una particolare attenzione alla luce era essenziale per una percezione ottimale dei reperti, anche in considerazione del fatto che le opere scultoree dovevano essere viste da ogni direzione.
La soluzione è stata di fornire alle sale una buona illuminazione naturale attraverso grandi vetrate distribuite su tutto il perimetro dell’edificio, e di dotare la Galleria del Partenone di lucernari. Per evitare un eccessivo riscaldamento da irraggiamento, sono state installate speciali vetrate basso emissive ad elevato isolamento termico.

acropolis-museum-athens-09

 acropolis-museum-athens-15

Sopra: l’Hekatompedon. Sotto: Testa di Alessandro Magno;  © Acropolis Museum. Foto Nikos Daniilidis 

Attività e servizi per il pubblico

Il museo organizza mostre temporanee, visite guidate ed attività didattiche, e comprende
un auditorium, un negozio, una caffetteria ed un ristorante con vista sull’Acropoli.
Il Museo dell’Acropoli è completamente accessibile ai disabili.

Museo dell'Acropoli Atene

Come giudicano questo museo i nostri lettori? (puoi votare anche tu)



link sponsorizzato


Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo

Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo

Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo




copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474

Questo sito usa cookie propri e di terze parti. I cookie sono comunemente utilizzati per il funzionamento corretto del sito (cookie tecnici), per misurare le preferenze di navigazione degli utenti (cookie statistici) e per la pubblicità (cookie di profilazione). I nostri lettori hanno il diritto di non accettare cookie statistici e di profilazione. Ma, abilitando tutti i cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza miglioreCookie policy