Apple iPhone – storia di un design sovversivo, dalla prima serie ad iPhone 12

Nazione:United States

steve-jobs-iphone-announcement-2007-2

9 gennaio 2007, Steve Jobs presenta l’iPhone a San Francisco

Apple iPhone – storia di un design sovversivo


Aggiornamento – iPhone X

A Settembre 2017 Apple presentava iPhone X, un modello che spingeva il concetto e il design di iPhone ai limiti.
L’undicesima generazione di iPhone introduce un touch-screen di maggiori dimensioni, da ben 5,8 pollici, basato su uno schermo OLED prodotto da Samsung.Tutti i pulsanti frontali sono stati eliminati e, a parte una sottile cornice arrotondata in acciaio inossidabile, il frontale di iPhone X coincide esattamente con il suo enorme display.
Proseguendo nelle sue strategie, Apple equipaggia iPhone X, ed il suo sistema operativo, iOS 11, con un pacchetto di funzioni di facile presa tra cui il riconoscimento facciale, un sistema 3D touch migliorato, emoji animati interattivamente (ribattezzati Animoji) ed altre cose del genere. Rispetto ai modelli precedenti il nuovo smartphone di Apple è, come ci si poteva aspettare, più grosso, più caro, quello dove lo schermo conta di più ed il più “da intrattenimento” mai prodotto dalla casa di Cupertino. Prodotto di successo certo ma nel quale l’innovazione nel design pare più di facciata che sostanziale.

In realtà non c’era spazio per fare molto di più, come scrivo nel paragrafo “Quando il meno è davvero molto meno” più avanti; è lo stesso concetto alla base del design di iPhone a lasciare poco spazio per un’evoluzione formale diversa dal rimuovere tutto quello che non è schermo (magari mettendogli  intorno un dettaglio “lussuoso” come una luccicante cornice in metallo per giustificarne il prezzo “esclusivo”). Questo non è un male di per sé, purché la vera innovazione stia “sotto il cofano”, e sia pensata per rendere l’oggetto davvero il più utile possibile per i suoi utilizzatori.

iPhone X

iPhone X 3

IPhone X 2

Immagini di iPhone X, fonte: Apple

Le due generazioni successive, iPhone 11 e 12  non cambiano il paradigma; lo schermo si fa ancora più grande, fino ai mostruosi 6,7 pollici del iPhone12 Pro Max, e le cornici diventano sempre più sottili.
Un eccezione però c’è: si tratta del iPhone 12 Mini, presentato a novembre 2020. Come sugegrisce il nome il ‘mini’ è un telefono mobile relativamente piccolo ed economico (per essere un prodotto di Apple) con un display da 5,4 pollici in cui dimensioni e aspetto riecheggiano quelli dei gloriosi…iPhone 4 e 5.
Ecco quindi che vediamo oggi due strade divergenti: da un lato gli enormi IPhone “max” diretti verso dimensioni da tablet, dall’altra i più piccoli “mini” che aspirano a (ri)entrare finalmente nelle nostre tasche…

iPhone 12 Pro max and iPhone 12 mini compared

L’iPhone 12 Pro max (a sinsitra, 6.7 pollici)  e iPhone 12 mini (a destra, 5,4 pollici) fianco a fianco. Immagine Inexhibit.


Introduzione

Quando Steve Jobs presentò al pubblico il primo iPhone, a San Francisco, il 19 Gennaio 2007, molti tra i concorrenti di Apple rimasero spiacevolmente scioccati.
Sino a quel momento il mercato dei telefoni portatili di alta gamma era dominato da RIM con i suoi BlackBerry. Chiaramente rivolti ad una clientela professionale, larga parte del loro successo era dovuta alla presenza di una tastiera fisica integrata relativamente grande e completa (considerando la dimensione dell’apparecchio) con cui scambiare e-mail, SMS, e brevi presentazioni testuali con il resto del mondo.
E’ dunque facile immaginare quanto grande fu la sorpresa nel vedere Jobs presentare un apparecchio che una tastiera fisica non l’aveva proprio, completamente sostituita da un – per quel tempo enorme – touchscreen da 3 pollici e mezzo racchiuso in una sottile cornice di alluminio e plastica nera.

steve-jobs-iphone-announcement-2007-4

9 gennaio 2007, Jobs confronta l’iPhone con i prodotti della concorrenza


Da telefono a (quasi) computer

L’uso dei touchscreen capaci di combinare un dispositivo di interazione e di visualizzazione in un unico oggetto non era una novità, in realtà. Era infatti una soluzione già adottata, per esempio negli allestimenti museali più innovativi per fornire modalità più intuitive di interazione ed accesso ai contenuti per un pubblico tipicamente eterogeneo, dai bambini agli anziani.
La tecnologia non era però mai stata adottata in precedenza in un dispositivo che molti allora consideravano in sostanza poco più che un semplice telefono.
Per amor di completezza va detto che nel 1994 IBM aveva lanciato sul mercato un “monumentale” telefono portatile touch, il Simon Personal Communicator, un oggettino lungo 20 centimetri e dal peso di oltre mezzo chilo; il Simon ebbe però un successo breve ed effimero e venne ritirato dal mercato dopo soli sei mesi.

ibm-simon-personal-communicator-1993

Immesso sul mercato nel 1994, l’IBM Simon fu il primo telefono cellulare con interfaccia touch. Nonostante lo scarso successo viene oggi considerato il precursore di tutti gli smartphone.

touchscreen-in-a-museum

Una installazione interattiva comandata da touchscreen in un museo italiano (il Palazzo di Città a Sassari), 2003

L’idea di Apple era di usare lo schermo, un touchscreen capacitivo che poteva essere usato a mano nuda, come dispositivo principale di input, rinunciando completamente ad una tastiera fisica, massimizzando in tal modo le dimensioni dello schermo per migliorare l’esperienza utente e fornire un dispositivo portatile adatto anche alla riproduzione di contenuti video, all’intrattenimento, alla navigazione web, e così via; di fatto trasformandolo da telefono a vero e proprio computer portatile in miniatura, seppur limitato in alcune funzioni.
Apple ed il suo designer più talentuoso, Jonathan “Jony” Ive (n. 1967), cominciarono a lavorare su dispositivi portatili touchscreen privi di tastiera sin dalla fine degli anni ’80, con progetti sperimentali come il Macintosh Folio ed un prodotto sfortunato come l’ Apple Newton, presentato nel 1993.
Quei progetti iniziali però fallirono, soprattutto perchè la tencologia touch e la potenza dei processori richiesti, necessariamente minuscoli, non erano ancora abbastanza sviluppate; l’Apple Netwon, ad esempio, richiedeva ancora lo stilo e mancava della potenza grafica sufficiente per poter essere considerato più di un semplice Personal Digital Assistant.

Apple Newton

L’ Apple Newton, il primo prodotto progettato da Jonathan Ive a Cupertino, foto Jim Abeles

Macintosh Folio

Macintosh Folio, prototipo (c. 1992), foto di Rick English

Un passo in avanti decisivo venne fatto nei primi anni 2000, dopo il ritorno di Steve Jobs alla guida di Apple nel 1997. Jobs intuì il potenziale di dispositivi mobili multi-uso e privi di tastiera e cominciò a pensare “di mettere un computer eccellente dentro un libro che chiunque possa portare con sé e sia in grado di imparare ad usare in 20 minuti”. Questo sarebbe poi diventato l’ iPad, ma Jobs decise di dare la precedenza ad un telefono portatile.


Jonathan Ive ed il design del primo iPhone

Gli schizzi preliminari del primo iPhone, realizzati da Jonathan Ive e dal gruppo di progettazione della Apple, mostrano un dispositivo molto simile a quello poi effettivamente realizzato, solo un po’ più arrotondato e con uno schermo più piccolo in rapporto alle dimensioni del telefono.
Il primo iPhone era un oggetto a forma di saponetta dal peso di 135 grammi. A parte lo schermo in vetro, il corpo del telefono, realizzato principalmente in alluminio, “abbracciava” Il display per proteggerlo da urti laterali accidentali.

iphone-first-generation-sketches-jonathan-ive

Jonathan Ive e Apple Design Team, schizzi contettuali dell’iPhone, data sconosciuta

L’unico dispositivo fisico di input evidente era (ed è ancora) un grosso pulsante circolare posto frontalmente. C’erano altri quattro bottoni sui fianchi del telefono per regolare il volume, gestire le chiamate telefoniche, silenziare la suoneria, e varie altre funzioni di uso meno frequente.
Dato che il telefono non aveva né un coperchio né altri elementi di chiusura,  si rese necessario un sensore di prossimità per disabilitare le funzioni touch dello schermo quando l’utente avvicinava l’apparecchio alla testa durante le telefonate. Altri sensori – come un accelerometro ed, in seguito, un giroscopio – vennero inclusi per dare al dispositivo la capacità di percepire movimento ed orientamento relativo nello spazio.

apple-iphone-first-generation-2007

Un Apple iPhone primo modello, immagine Apple inc.

Ive non ha mai nascosto l’influenza che il designer tedesco Dieter Rams ha avuto su di lui.
Con un approccio che si rifà al design funzionalista sviluppato dalla Bauhaus nei primi decenni del Ventesimo secolo, Rams (nato nel 1932) è celebre per i prodotti sviluppati per la compagnia tedesca Braun negli anni ’50, ’60 e ’70, oltre che per il lavoro didattico svolto alla Scuola di Ulm (Hochschule für Gestaltung Ulm) prima che questa chiudesse nel 1968, compreso lo sviluppo dei suoi Dieci Principi del Buon Design.

“Il buon design è innovativo. Il buon design deve essere utile. Il buon design è un progetto estetico. Il buon design rende un prodotto comprensibile. Il buon design è onesto. Il buon design cura ogni dettaglio. Il buon design è discreto. Il buon design è durevole. Il buon design è attento all’ambiente. Ed infine, il buon design é meno design possibile.” (I dieci principi del buon design – Dieter Rams)

E’ un dato di fatto che i progetti ed i principi di Rams abbiano influenzato il design inconfondibile di molti dei prodotti di Apple, come iPod, iPad, iMac, Mac Pro e, senza dubbio, anche iPhone.

apple-ipod-braun-t3-radio-design-comparison

A sinistra: radio portatile Braun T3, 1958; a destra: il primo modello di Apple iPod, 2001

dieter-rams

Dieter Rams

Per via dell’estrema semplicità formale dell’oggetto, il progetto di Ive per l’iPhone era meno adatto a trarre ispirazione da progetti precedenti di Rams di quando lo fosse stato, per esempio, l’iPod. Ciò nonostante era perfetto per esprimere alcuni dei suoi dieci principi; dato che la componente fisica visibile del telefono era ridotta al minimo, esso diventava un campo ideale per spingere concetti come l’importanza dei dettagli e “meno design possibile” ad un livello mai sperimentato prima in un prodotto elettronico di consumo, anche da un produttore che dava molta importanza al design come l’Apple di Jobs.
“Io e Steve abbiamo speso mesi su mesi lavorando su parti del prodotto che, il più delle volte, nessuno avrebbe mai visto o saputo che ci fossero” (Jonathan Ive)

jonathan-ive-and-steve-jobs-2005

Jonathan Ive e Steve Jobs nel 2005, immagine Apple inc.

apple-iphone-5-technical-drawings

Disegni tecnici dell’iPhone 5, immagine Apple inc.

Figlio di un artigiano argentiere inglese, Ive ed il suo approccio al design industriale si fondano sulla conoscenza dei processi produttivi almeno tanto quanto si basano su capacità puramente progettuali. Quando spingi l’apparente semplicità di un oggetto a limiti tanto estremi, Dio e ancora di più dei dettagli.“Gli oggetti ed il loro processo costruttivo sono inseparabili. Un prodotto si può capire solo se si comprende come è stato fatto.” (Jonathan Ive)

“Quando guardate al vostro iPhone, si tratta probabilmente dell’oggetto che usate di più nella vostra vita quotidiana. E’ l’oggetto che portate con voi per tutto il giorno. Oltre all’esperienza di utilizzo, quello che rende l’iPhone 5 tanto unico è come viene percepito dal tatto, il materiale di cui è fatto, la grande precisione con cui è stato costruito” (…)
“Il corpo è realizzato con un unico pezzo in alluminio lavorato a macchina, Il tutto viene dapprima lucidato a specchio e poi testurizzato finemente, con l’eccezione del logo Apple. I bordi curvi vengono tagliati da una fresa al diamante. Le teste diamantate di solito non durano a lungo, ce ne siamo quindi dovuti inventare un tipo che fosse adatto alla fabbricazione in grande serie. La lente di protezione della fotocamera è un vetro zaffiro. Guardate ai dettagli intorno al vano per la sim. Sono straordinari!”  (Ive, parlando dell’iPhone 5 nel 2010)


Design interattivo ed interfaccia grafica

Ovviamente, lo sviluppo di un prodotto così innovativo fu uno processo tecnicamente assai impegnativo, che richiese di combinare un design fisico completamente inedito con un’interfaccia software che, per un telefono portatile, era rivoluzionaria e che condivideva molti elementi di quelle dei computer desktop e laptop.
Il sistema operativo era infatti una versione alleggerita del OS-X utilizzato dai Macintosh dello stesso periodo. Ma il peculiare sistema di input dell’iPhone richiese lo sviluppo di un’interfaccia gestuale completamente nuova e l’introduzione di elementi innovativi, tra cui la tecnologia multi-touch a cui siamo oggi tutti abituati.

apple-iphone-multitouch-gesture-sequence

La sequenza gestuale multitouch in un iPhone, immagine Apple inc.

Il design grafico dell’interfaccia dell’iPhone venne basata sui principi dello scheumorfismo.
Tutte le interfacce sviluppate da Apple a partire dell’introduzione del Macintosh presentavano elementi grafici disegnati ad imitazione di oggetti del mondo reale: l’orologio digitale che richiamava una sveglia da tavolo, l’icona della fotocamera fatta come la lente di un obbiettivo, l’icona del servizio di download di giornali e riviste digitali che assomigliava ad un espositore per riviste, e così via. Questo è lo scheumorfismo, per il quale Steve Jobs ha sempre avuto una preferenza, ritenendolo più “naturale” ed intuitivo per la maggioranza degli utenti, in particolare durante la false di transizione da una società analogica a quella digitale.

iphone-os1-and-os9-graphic-comparison

Confronto tra la schermata principale (anche note come “springboard”) di OS1 (sinistra, 2007) e OS9 in un modello 6 plus (destra, 2014)

Ive invece non ha mai nascosto di non amare lo scheumorfismo, e lo dimostrò introducendo elementi grafici più essenziali nell’iPhone, come la sua famosa calcolatrice digitale, che si ispira ancora una volta al design di Rams per le calolatrici tascabile ET44 e ET66.
Negli ultimi anni, in particolare a partire dall’uscita di OS7, Apple sembra aver in parte abbandonato lo scheumorfismo per una grafica più pulita ed essenziale.

iphone-calculator-braun-et66-comparison

A sinistra: calcolatrice tascabile Braun ET66 (1987); destra: la calcolatrice digitale dell’iPhone (2007)


L’evoluzione del design di IPhone dalla prima generazione alla serie 7

Nel corso del tempo, è inevitabile che anche il miglior progetto debba evolvere, specialmente in un mercato in perenne cambiamento come quello dell’elettronica di consumo. Ciò nonostante, l’iPhone ha essenzialmente conservato gli elementi essenziali immaginati da Jobs ed Ive nei primi anni Duemila.

Naturalmente l’ iPhone 7 è, rispetto alla prima generazione, più sottile, più veloce, più affidabile, ha una grafica superiore, un hardware molto più potente, ed è più facile da usare. Il suo design è però, per molti versi, lo stesso del modello uscito nel 2007.

La più grande differenza da questo punto di vista è che lo schermo, che a partire dal modello 6 Plus è molto più grande: 5,5 pollici contro i 3,5 del primo modello. Un ampio dibattito è nato su questo incremento di dimensioni dello schermo – secondo molti eccessivo perché il telefono sia davvero pratico – che sembra contraddire l’idea originaria di Jobs di un apparecchio piccolo, semplice, e facile da tenere in mano per inseguire invece le lusinghe di un mercato sempre più volubile.

A me invece pare la naturale ed inevitabile conseguenza del progetto iniziale.
Se si trasforma un telefono in un dispositivo multimediale e multifunzione, lo schermo deve necessariamente essere il più grande possibile per offrire un’esperienza veramente efficace al suo utilizzatore. Tra l’altro, da un punto di vista commerciale, è noto come, posti fianco a fianco all’interno una vetrina, dispositivi più grandi suscitino una maggiore impressione sul cliente di quelli più piccoli.
Perchè invece il design degli ultimi iPhone sia così simile a quello della prima generazione è questione differente e decisamente più sottile.

apple-iphone-7-plus

Un iPhone 7 plus, image courtesy Apple inc.


Quando il meno é davvero molto meno

La storia del progetto iPhone genera interrogativi sull’evoluzione futura del design nel campo dell’elettronica di consumo e, più in generale, sul ruolo stesso dei designer.
Se da un lato l’edizione del 2007 dell’iPhone era la perfetta incarnazione del principio di Rams che “il buon design è meno design possibile”, d’altro canto un dispositivo che in gran parte coincide, dal punto di vista del suo utilizzatore, con il suo schermo non lascia molto spazio all’evoluzione, almeno per quello che riguarda la sua componente fisica.
Certo, si possono usare materiali migliori, lo si può rendere più sottile e leggero, più robusto e durevole, ma non molto più di questo.

I punti chiave della progettazione di questo tipo di oggetto vennero infatti spostati all’interno del suo schermo, e sotto il suo “cofano virtuale”, esattamente nello stesso momento in cui lo si immaginò per la prima volta.
In questo caso il progetto dell’interfaccia grafica e del riconoscimento gestuale – ed il design “immateriale nel suo complesso –  sono diventati altrettanto importanti del progetto dell’oggetto fisico.
Possiamo immaginare un futuro dispositivo portatile in cui la componente fisica sia praticamente inesistente, una piccola noce in fibra di carbonio, o qualcosa di simile, il cui compito è di controllare un grande schermo virtuale interattivo, proiettato a mezz’aria o creato digitalmente su una sottile pellicola arrotolabile in plastica trasparente. Mentre il progetto tecnologico di un tale dispositivo sarebbe materia per ingegneri, il suo design estetico sarebbe completamente compreso in quello della sue interfaccia grafica, comportamental e gestuale. Non so se Rams o Jobs sarebbero contenti o meno di una tale possibilità; però, potrebbe non essere un caso che Ive, da qualche anno, sia anche responsabile del design grafico e dell’interfaccia interattiva dell’IOS.

LG flexible OLED display

Uno schermo OLED flessibile presentato da LG nel 2014


link sponsorizzato

Il design della tecnologia quotidiana

Il design della tecnologia quotidiana

Il design della tecnologia quotidiana



copyright Inexhibit 2021 - ISSN: 2283-5474