Museo Ettore Guatelli: la cattedrale delle cose

Place: Ozzano Taro (Parma), Country: Italy
Museo Ettore Guatelli
Via Nazionale, 130
Ozzano Taro Collecchio (PR
http://www.museoguatelli.it/
Testi di Federica Lusiardi, Inexhibit
Foro di Riccardo Bianchini, Inexhibit
Si ringrazia la Fondazione Museo Ettore Guatelli

Guatelli museum 007

“La bellezza degli aspetti della vita quotidiana che noi abbiamo ignorato ed il loro valore che noi non abbiamo riconosciuto, ce li ha mostrati un semplice uomo di campagna nelle vicinanze di Parma. Il suo nome è Ettore Guatelli“ (Werner Herzog – regista)

Il Museo Guatelli di Ozzano Taro, Parma

Se concordiamo con l’idea che lo scopo di un museo debba essere qualcos’altro rispetto al conservare e al contenere, e che un museo debba essere capace di accompagnare il visitatore attraverso  un esperienza unica e coinvolgente, questa magia – al tempo stesso semplice e difficilissima – si trova nel museo Guatelli di Ozzano Taro .

Guatelli museum 008

Guatelli museum 001

Guatelli museum 002

Entrando, la sensazione più forte che coglie il visitatore è quella di essere travolti, sopraffatti dalle cose. Migliaia di oggetti – circa 60.000-  occupano ogni centimetro quadrato delle superfici disponibili: soffitti, travi, falde di tetto, pareti, sguinci di porte e finestre, ante di legno, pianerottoli e sottoscala.  Perfettamente allineate su mensole e mobili oppure disposte su pareti e soffitti le cose disegnano arabeschi, onde, cerchi concentrici e linee che si rincorrono, seguendo i pensieri e la visione di Ettore Guatelli che ha immaginato e costruito questo incredibile racconto.
L’effetto globale è quello di una cattedrale delle cose: le migliaia di oggetti “ovvi”, come li definiva lo stesso Guatelli – siano essi attrezzi del lavoro: chiodi e zappe, pinze e martelli, forme per le scarpe, ruote e pale, oppure cose domestiche: barattoli e tazze, orologi e vasi di vetro, macchine per scrivere o contenitori in latta – sono disposti in centinaia di esemplari.

Guatelli museum 003

Guatelli museum 004

Guatelli museum 005

Guatelli museum 006

Gli oggetti – l’effetto è particolarmente potente soprattutto negli spazi più contenuti della casa dove Guatelli ha abitato – hanno preso il posto della struttura edilizia: la piccola scala congiunge muri di vasi in vetro a torri di scatole multicolori, sequenze di orologi a grappoli di tazze, come in una gigantesca installazione percorribile.
Non ci sono oggetti unici, le cose non sono esposte ma disposte in centinaia di esemplari ripetuti; come in certe decorazioni  che ricoprivano l’interno delle grotte delle dimore suburbane a metà del ‘500, solo che qui, al posto delle concrezioni rocciose e delle conchiglie, delle madreperle e degli stucchi preziosi ci sono gli oggetti che Ettore Guatelli ha raccolto in una vita:  cose scartate e rifiutate a cui è stata  restituita dignità, oggetti che costituiscono l’ alfabeto, concreto e tangibile, della narrazione del quotidiano.

Guatelli museum 014

Ettore Guatelli

Nel podere Bella Foglia di Ozzano Taro, nel 1921 Ettore Guatelli nasce in un famiglia di contadini. Nonostante le condizioni economiche poco agiate e a causa della salute cagionevole Ettore studia e diventa maestro elementare. La raccolta degli oggetti inizia e Guatelli li utilizza anche durante le lezioni a scuola. Ben presto le cose cominciano ad invadere anche le stanze della casa, abitate dai diversi componenti della famiglia, nascono in questo modo la stanza del vetro, prima occupata dalla zia, quella degli orologi e il ballatoio delle ceramiche.

Guatelli museum 013

Guatelli museum 012

Guatelli museum 011

Guatelli museum 010

“Per fortuna c’è stato qualcuno che ha raccolto gli oggetti della cultura contadina, e ha istituito delle raccolte la principale direi la raccolta maggiore, la più importante, la più bella, la più interessante e direi anche la più commovente, è quella fatta da Ettore Guatelli, che per tutta la vita ha raccolto gli oggetti della cultura contadina e della vita quotidiana dei contadini, e li ha raccolti con una apertura mentale ECCEZIONALE, senza privilegiare questo o quell’oggetto, e ha messo su un museo vicino a Collecchio, a Ozzano Taro” (Federico Zeri, critico d’arte)

Guatelli museum 009

Articolo di Federica Lusiardi, Inexhibit
Foto Riccardo Bianchini, © Inexhibit, 2014, tutti i diritti riservati


You may also be interested in...

Museo Ettore Guatelli, Collecchio


link sponsorizzato

copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474