link sponsorizzato

I vincitori dello European Prize Mies Van Der Rohe 2019

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-02

Sono stati annunciati il 10 maggio i vincitori dello “EU Prize for Contemporary Architecture Mies Van Der Rohe Award” 2019.

Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato a Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture per il progetto di trasformazione di 530 appartamenti, Grand Parc Bordeaux.

Allo studio BAST – Bureau Architectures Sans Titre – di Tolosa è andato il premio ‘Emerging Architecture Prize‘ per il refettorio scolastico di Montbrun-Bocage, piccolo villaggio della Haute-Garonne.

I progetti vincitori sono sono stati scelti tra 383 opere realizzate in 38 Nazioni dell’Unione Europea. A febbraio 2019 erano stati annunciati i 5 progetti finalisti: PC CARITAS a Melle di architecten de vylder vinck taillieu ; Plasencia Auditorium e centro congressi di selgascano ; piazza Skanderbeg a Tirana di 51N4E, Anri Sala, Plant en Houtgoed e iRI ; Terrassenhaus Berlin/Lobe Block, Berlino di Brandlhuber+ Emde, Burlon e Muck Petzet Architekten ; Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux di Lacaton & Vassal architects, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture. (Vedi qui il nostro articolo)


Progetto di trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, Francia.
Progetto: Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture e Christophe Hutin Architecture.

Il progetto vincitore esprime un approccio innovativo e sostenibile al rinnovamento di un complesso di tre edifici abitativi situati a Bordeaux. L’aggiunta di nuovi volumi, che sono stati addossati ai fronti degli edifici, ha ampliato le aree soggiorno degli appartamenti garantendo al contempo più luce naturale e una vista migliore.
Le piccole finestre esistenti sono state sostituite da grandi porte scorrevoli vetrate che si aprono sui giardini d’inverno; sono state aggiornate le strutture tecniche di ogni unità e delle parti comuni e rinnovate le zone di accesso e i giardini di fronte all’edificio.
Il costo per la trasformazione di ogni unità abitativa è stato contenuto entro i 50.000 euro e l’utilizzo di strutture prefabbricate montate dall’esterno ha consentito di non spostare gli inquilini durante tutta la durata del cantiere. La giuria ha apprezzato in particolare la strategia di rinnovamento dell’esistente: anziché prevedere la demolizione dei blocchi – scelta che comporta sempre un uso importante di energia – il cliente ha compreso e sostenuto i vantaggi della trasformazione dei tre edifici. Inoltre, l’intervento va controcorrente rispetto alla richiesta di  riduzione della superficie delle unità abitative nei casi di realizzazione di nuovi complessi di edilizia abitativa sociale, dato che in questo caso il volume è stato aumentato, dando valore ai singoli appartamenti e al loro insieme.

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-works-in-progress-exterior

Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture, and Christophe Hutin Architecture, Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, vista esterna durante i lavori.

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-axonometry-before

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-axonometry-after

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-sections-before-and-after

Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture, and Christophe Hutin Architecture Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, assonometrie di un piano tipo e sezioni prima e dopo i lavori di ampliamento.

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-general-plan

Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture, and Christophe Hutin Architecture Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, planimetria generale

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-views-before-and-after

Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture, and Christophe Hutin Architecture Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, viste a confronto prima e dopo i lavori.

EU-Mies-Award-2019-winner-Lacaton-Vassal-works-in-progress-interior-dwelling

Lacaton & Vassal architectes, Frédéric Druot Architecture, and Christophe Hutin Architecture Trasformazione di 530 appartamenti – Grand Parc Bordeaux, vista interna di un appartamento.


Refettorio scolastico E26, Montbrun-Bocage, Haute-Garonne, Francia
progetto: studio BAST – Bureau Architectures Sans Titre

Il premio per l’architettura emergente è andato al refettorio per una piccola scuola esistente a Montbrun-Bocage, in Francia. La giuria è stata favorevolmente impressionata dalla semplicità ed espressività della nuova struttura, disegnata tenendo conto del contesto del villaggio e del paesaggio. Il nuovo corpo del refettorio – che racchiude fisicamente il cortile della scuola permettendo ai bambini di giocare in un area sicura, ma garantisce trasparenza grazie alle vetrate che aprono la vista sul paesaggio circostante – è stato realizzato con un budget relativamente ridotto. La struttura è in CLT – Cross Laminated Timber.

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-01

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-03

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-05-ok

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-drawing

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-02

EU-Mies-Award-2019-BAST-emerging-04

Studio BAST, Refettorio scolastico E26, Montbrun-Bocage, viste esterne ed interne.

Tutte le mmagini: courtesy of Fundació Mies van der Rohe


link sponsorizzato



copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474