Siviglia | Metropol Parasol Antiquarium

Luogo: Seville, Country: Spain
Progetto architettonico:
Felipe Palomino Arquitectos -Sevilla
www.felipepalomino.com
Consulenza archeologica:
Fernando Amores Carredano
Ingegneria: Germán Palomino González
Testo di Federica Lusiardi, Inexhibit
Immaginie testi aggiuntivi gentilmente
forniti da Felipe Palomino Arquitectos

antiquarium-sevilla-07c

Il Metropol Parasol con l’ingresso all’ Antiquarium. (Photo by LW Yang)

L’Antiquarium del Metropol Parasol di Siviglia

L’ Antiquarium di Siviglia è parte del progetto  Metropol Parsol, nato con  l’obiettivo di  rifunzionalizzare l’antica Plaza de la Encarnacion del capoluogo andaluso. La piazza, che sorge sull’incrocio tra il cardo e il decumano della città romana,  è stata per secoli la sede di un fiorente mercato cittadino prima di venire abbandonata negli anni ’70 dopo la demolizione dello stesso mercato.
Dopo qualche decennio la città di Siviglia ha deciso di dare inizio ad un progetto di riqualificazione e sviluppo urbano che ha ridisegnato un nuovo paesaggio nella città. L’edificio Metropol Parasol, dell’architetto tedesco Jürgen Mayer-Hermann, si sviluppa su cinque livelli, dei quali il piano seminterrato accoglie  l’ Antiquarium, dedicato  al sito archeologico rinvenuto durante le prime fasi del cantiere, il cui progetto di musealizzazione è stato affidato allo studio Felipe Palomino Arquitectos .

antiquarium sevilla 09

antiquarium sevilla 01

Il progetto dell’ Antiquarium

Per Felipe Palomino, l’architetto incaricato della progettazione degli spazi dell’Antiquarium, ” l’aspetto più importante dell’architettura sta nella sensazione che lo spazio progettato riesce a evocare. Lo spazio ci da forma e ci trasforma”.
I resti ritrovati nel corso degli scavi di fondazione per la realizzazione del Metropol Parasol sono situati a 5,45 metri di profondità dal piano stradale e occupano un grande spazio di circa 5000 metri quadrati. L’intento del progettista è stato di modificare la percezione che abitualmente si ha in un luogo sotterraneo, e per farlo l’ispirazione è stata mutuata dal mare; l’ Antiquarium è stato infatti concepito come un paesaggio sottomarino da esplorare, dove le cose possono essere viste solo quando ci si avvicina ma che, allo stesso tempo, sembra non avere confini.

antiquarium sevilla 13

antiquarium sevilla 12

antiquarium sevilla 02

antiquarium sevilla 04

Felipe Palomino ha creato una sorta di “membrana” che avvolge il sito archeologico. Questa membrana, realizzata da setti in cristallo con diversi gradi di trasparenza, permette di controllare la visibilità dei diversi ambiti e contemporaneamente evita rigidità e chiusure visive. Il trattamento dello spazio produce uno spazio dinamico, in linea con le premesse del progettista, capace di determinare un vasto spettro di percezioni visive.

L’impossibilità di  illuminare lo spazio espositivo con luce naturale ha richiesto un’ attenzione particolare al progetto illuminotecnico: sono stati introdotti due distinti sistemi di illuminazione artificiale, uno architettonico, che collabora con le partizioni in cristallo alla formazione dell’ambiente, l’altro espressamente dedicato all’ illuminazione dei reperti.

antiquarium sevilla 06

antiquarium sevilla 08

antiquarium sevilla 10

antiquarium sevilla 11

 Disegni e immagini, courtesy of Felipe Palomino Arquitectos.


Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo

Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo

Musei di archeologia e siti archeologici nel mondo



link sponsorizzato


copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474