Padiglione del Libano | Biennale di Architettura di Venezia 2018

Luogo: Venezia, Nazione:Italy
La Biennale di Architettura di Venezia
Padiglione del Libano
Lo Spazio Rimanente. Raccontando il territorio non costruito
curatore: Hala Younes
Foto: Padiglione del Libano.

Padiglione del Libano Biennale di Architettura di Venezia 2018

Vista dell’allestimento del Padiglione Libanese alla  16a Biennale di Architettura di Venezia; foto © Inexhibit

Padiglione del Libano | Lo Spazio Rimanente. Raccontando il territorio non costruito

Per la prima volta il Libano partecipa alla Biennale di Architettura di Venezia con una mostra intitolata “Lo Spazio Rimanente. Raccontando il territorio non costruito”.
La mostra – curata da Hala Younes, professoressa di Architettura e Paesaggio alla ‘Lebanese American University (LAU)’ – è una riflessione sulle potenzialità inespresse del territorio libanese.
Il Libano è un paese piccolo e densamente popolato, che soffre di instabilità politiche ed è al centro di una regione flagellata da conflitti: in questo contesto, aggravato dalle ripercussioni della globalizzazione e dalla crisi dei rifugiati, sta subendo le logiche di uno sviluppo immobiliare aggressivo e diffuso. L’obiettivo di questa mostra è quello di fornire una prospettiva alternativa sulla realtà urbana attraverso l’identificazione del paesaggio non-costruito: anziché individuare le forze trainanti della crescita disordinata in atto, il progetto mira a gettare luce sulle logiche di inerzia e resistenza che possono deviarlo.

La mostra mira a disseminare la conoscenza delle aree non costruite attraverso il concetto di ‘terre’ per stimolare la società libanese a difenderne i valori, poiché il nostro patrimonio non è solo architettonico ma anche geografico e paesaggistico” (Hala Younes)

Il focus è sul ruolo dei progettisti nel processo di pianificazione a partire dall’analisi dei caratteri e delle fragilità del territorio: il primo passo è dunque rendere visibile il territorio per inventariare, catalogare e far emergere le qualità dei luoghi che rimangono e di conseguenza identificare le strategie positive per la loro conservazione.
La mostra è costruita con una mappa tridimensionale del territorio e con il lavoro di 6 fotografi che vivono e lavorano prevalentemente in Libano: Gregory Buchakjian, Catherine Cattaruzza, Gilbert Hage, Houda Kassatly, Ieva Sauvargaite e Talal Khoury (video).

BIENNALE ARCHITETTURA 2018
16. MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA | “Freespace”

Venezia, 26.05 / 25.11 2018

Venice-Architecture-Biennale-2018-Lebanon-Ph-1- Preparatory Sketch-Beirut River- watershed-2018 ©Hala-Younes

Disegno preparatorio, Beirut River Watershed, 2018 © Hala Younes

Venice-Architecture-Biennale-2018-Ph-4-Preparatory sketch-Projection-2018- ©Hala-Younes

Schizzo preparatorio, proiezione, 2018, © Hala Younes

The Thin Lines Between the River and Me

Catherine Cattaruzza, The thin lines between the river and me, 2018, per concessione dell’artista

Padiglione del Libano Biennale di Architettura di Venezia 2018

Dettaglio dell’installazione del Padiglione Libanese; foto © Inexhibit


link sponsorizzato

Biennale di Architettura di Venezia 2018 | FREESPACE: tema, mostre ed eventi

Biennale di Architettura di Venezia 2018 | FREESPACE: tema, mostre ed eventi

Biennale di Architettura di Venezia 2018 | FREESPACE: tema, mostre ed eventi


Altro a Venezia

Venezia

Venezia


copyright Inexhibit 2023 - ISSN: 2283-5474