“Faust” di Anne Imhof | Padiglione della Germania alla Biennale d’Arte di Venezia 2017

Luogo: Venezia, Nazione:Italy
La Biennale di Venezia
"Faust" di Anne Imhof
Padiglione della Germania
57° Biennale d'Arte di Venezia - 2017
Testo: Inexhibit
Crediti fotografici: vedi le didascalie
Tutti i diritti riservati

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 11 Inexhibit

“Faust” di Anne Imhof | Padiglione tedesco, foto © Inexhibit, 2017

“Faust” di Anne Imhof  | Il Padiglione della Germania alla 57° Biennale d’Arte di Venezia

Vincitore del Leone d’oro per la migliore Partecipazione Nazionale alla 57° Biennale d’Arte di Venezia, il Padiglione della Germania è stato affidato all’artista Anne Imhof che ha concepito la sua opera espressamente per questa Biennale.

Faust” è una messa in scena di oltre cinque ore che si svolge all’interno di uno spazio allestito per i sette mesi della Biennale.
L’opera coinvolge pesantemente l’architettura del padiglione già dall’esterno; le gabbie con i cani, le pesanti lastre di cristallo antisfondamento che chiudono il pronao neoclassico lasciando solo un affaccio verso la sala principale, lo spostamento dell’ingresso per i visitatori sul lato del padiglione, e infine, le inquietanti presenze umane che scorgiamo lontane, sedute sul tetto preannunciano un’opera totale nella quale si sovrappongono piani formali e figurativi, dall’installazione alla musica, dalla pittura alla performance dal vivo.

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 02 Inexhibit

“Faust” di Anne Imhof | Padiglione della Germania, foto © Inexhibit, 2017

Quella che Anne Imhof mette in scena nel (e con) lo spazio del padiglione è l’interpretazione di una realtà dura e alienante, nella quale l’individuo è costretto da delimitazioni fisiche, sociali, politiche, economiche e tecnologiche.
Gli elementi installativi utilizzati, in particolare il cristallo e l’acciaio, rimandano inevitabilmente alla durezza dei luoghi in cui oggi si gestiscono il potere e il denaro; e proprio al cristallo è affidata la principale delle modifiche apportate all’architettura del padiglione, ovvero l’inserimento di una piattaforma trasparente, sollevata di un metro dal pavimento, che modifica il rapporto fra lo spazio e la presenza umana.

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 03 Inexhibit

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 05 Inexhibit

“Faust” di Anne Imhof | Padiglione della Germania, foto © Inexhibit, 2017

Sotto le lastre di vetro si scorgono presenze umane, e poi un armamentario costituito da strumenti di costrizione, giacigli, flaconi di liquidi e sostanze medicinali.
Sopra la piattaforma trasparente il pubblico si muove osservando i performers che si mettono in scena: gli sguardi fissi, catatonici, vuoti, stanno, mostrandosi senza mai entrare in vera comunicazione con il pubblico, ma consapevoli della loro immagine.
Afferma Susanne Pfeffer, curatrice del padiglione: “…Così questi corpi ammaestrati e fragili sembrano un materiale permeato da strutture di potere invisibili. Sono soggetti in lotta perenne con la propria oggettivazione. Ai bio-tecno-corpi è inerente la comunicazione mediale. I performer sono consapevoli che i loro gesti non sono fini a se stessi, ma che esistono soltanto nella loro medialità. Sembrano permanentemente trasformarsi in immagini consumabili; vogliono diventare immagine, merce digitale. In un’epoca fortemente caratterizzata dalla medialità, le immagini non solo ritraggono la nostra realtà, ma la creano.”

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 08 Inexhibit

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 09 Inexhibit

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 06 Inexhibit

German Pavilion Venice Art Biennale 2017 Anne Imhof 07 Inexhibit

“Faust” di Anne Imhof | Padiglione della Germania, foto © Inexhibit, 2017

Biennale-Arte-Venezia-2017-German-Pavilion-02 Anne Imhof-Nadine Fraczkowski

Eliza Douglas e Franziska Aigner in Anne Imhof, Faust, 2017 Padiglione della Germania , 57° Mostra d’Arte Internazionale  – La Biennale di Venezia © Foto: Nadine Fraczkowski Courtesy: Padiglione della Germania 2017, l’artista.

Biennale-Arte-Venezia-2017-German-pavilion-04 Anne Imhof-Nadine Fraczkowski

Eliza Douglas in Anne Imhof, Faust, 2017.Padiglione della Germania, 57° Mostra d’Arte Internazionale – La Biennale di Venezia © Foto: Nadine Fraczkowski Courtesy: Padiglione della Germania 2017, l’artista.

Biennale-Arte-Venezia-2017-26 Anne Imhof-Nadine Fraczkowski

Billy Bultheel e Franziska Aigner in Anne Imhof, Faust, 2017. Padiglione della Germania, 57° Mostra d’Arte Internazionale – La Biennale di Venezia © foto: Nadine Fraczkowski Courtesy: Padiglione della Germania 2017, l’artista


link sponsorizzato

Biennale d’Arte di Venezia 2017 | informazioni, programma e mostre

Biennale d’Arte di Venezia 2017 | informazioni, programma e mostre

Biennale d’Arte di Venezia 2017 | informazioni, programma e mostre


Altro a Venezia

Venezia

Venezia


copyright Inexhibit 2023 - ISSN: 2283-5474