‘Tomás Saraceno – ARIA’, a Palazzo Strozzi dal 22 febbraio 2020

Thomas-Saraceno-Palazzo-Strozzi-Thermodynamic-Contellation-detail-cover

‘Tomás Saraceno – ARIA’ a Palazzo Strozzi dal 22 febbraio 2020

Firenze: dal prossimo 22 febbraio, e fino al 19 luglio 2020, Palazzo Strozzi ospita la mostra Tomás Saraceno – ARIA.
Artista visionario e poliedrico, architetto e studioso di biologia, Saraceno da sempre indaga l’ arte, le scienze naturali e sociali, invitandci a cambiare punto di vista sulla realtà.
Le sue architetture ardite e percorribili, fatte di reti sospese e di reticoli di funi sono strumenti pensati per indurci ad esplorare lo spazio e le distanze fra esseri umani. Le sue installazioni ci mettono anche in connessione con elementi non umani, come polvere, insetti o piante, che diventano protagonisti delle sue e metafore del cosmo. All’ultima biennale d’arte di Venezia, l’artista di origini argentine ha presentato l’installazione ‘spider/web pavilion 7’ con la quale ha studiato il ruolo degli aracnidi nel contesto dell’attuale crisi ambientale. Definendo le reti create dai ragni come ‘padiglioni non umani’, l’artista ha spiegato come queste strutture siano un invito all’interconnessione di tutte le cose, sia viventi che non viventi.
A Palazzo Strozzi verrà realizzato un percorso di opere ed esperienze immersive che, tra il cortile e il Piano Nobile, entrerà in relazione con il contesto storico del Palazzo e di Firenze, intessendo un profondo dialogo tra Rinascimento e contemporaneità.
Prodotta e organizzata da Palazzo Strozzi e dallo studio Tomás Saraceno la mostra è curata da Arturo Galansino.

Thomas-Saraceno-Palazzo-Strozzi-Thermodynamic-Contellation

Sopra e in copertina: Progetto per Thermodynamic Constellation (Costellazione termodinamica), 2020. Installazione di Tomás Saraceno per il cortile di Palazzo Strozzi.

Thermodynamic Constellation (Costellazione termodinamica) l’installazione che verrà allestita nel cortile di palazzo Strozzi è la metafora di una nuova era di solidarietà tra uomo e ambiente che Saraceno teorizza e persegue anche attraverso Aerocene, la comunità artistica interdisciplinare avviata dall’artista stesso.
Formata da tre grandi sfere sospese costituite da lamine trasparenti e a specchio, Thermodynamic Constellation nasce dalla sperimentazione intrapresa dallo stesso Saraceno con mongolfiere capaci di volare grazie alla sola energia solare. Le sfere sono infatti prototipi di palloni aero-solari in grado di compiere voli su lunghe distanze ad altezze tra i 20 e i 40 chilometri, fluttuando libere da frontiere e da combustibili fossili. L’installazione è un invito a ripensare in maniera poetica come abitiamo il nostro mondo, trasformando il cortile di Palazzo di Strozzi in una piattaforma fisica e filosofica per proporre un cambiamento di paradigma attraverso un originale dialogo tra Rinascimento e contemporaneità: dall’uomo al centro del mondo all’uomo come parte di un universo in cui ricercare una nuova armonia.

Tomás-Saraceno-biennale-arte-venezia-2019-photo-inexhibit-2019-02

Sopra: Tomás Saraceno, Spider/Web Pavilion 7: Oracle Readings, Weaving Arachnomancy, Synanthropic Futures: At-ten(t)sion to invertebrate rights!, 2019, mixed media,
58° Biennale d’Arte di Venezia, 2019, ‘May You Live In Interesting Times’. Foto © Inexhibit, 2019

Tomas-Saraceno-FRA-PdT-Press-Palais-de-Tokio

“Tomás Saraceno, Algo-r(h)i(y)thms, 2018, vista dell’installazione nella mostra ON AIR, Palais de Tokio, Parigi, 2018. Foto © Andrea Rossetti. Courtesy of Tomás Saraceno (www.studiotomassaraceno.org)

Tomas-saraceno-NRW-standenhaus-inexhibit-09

Sopra: “Tomás Saraceno: In Orbit”, K21 Ständehaus, Düsseldorf, 2013-15
Foto © Studio Tomás Saraceno, 2013. Images courtesy of © Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen

Tomás Saraceno – ARIA
mostra temporanea
Palazzo Strozzi, Firenze 
22 febbraio / 19 luglio 2020
website: https://www.palazzostrozzi.org


link sponsorizzato


More in Firenze

Firenze

Firenze


copyright Inexhibit 2020 - ISSN: 2283-5474