link sponsorizzato

“Rising Talent Awards UK”, al M&O Paris dal 20 al 24 gennaio 2017

By FEDERICA LUSIARDI - 2017-01-26

Nel contesto della prossima edizione di MAISON&OBJET PARIS, che si svolgerà dal 20 al 24 gennaio 2017, RISING TALENT AWARDS UK vedrà l’esposizione dei progetti di sei giovani talenti del design britannico.

Per “RISING TALENTS AWARDS UK” sei designers internazionali – Sir Paul Smith, Tom Dixon, Ilse Crawford, Nigel Coates, Ross Lovegrove e Jay Osgerby – hanno selezionato sei talenti del design, scelti fra i più promettenti del panorama creativo britannico.

I sei giovani designers presenti a «Rising Talents Awards UK» 2017 sono Marcin Rusak, John Booth, Giles Miller, Sebastian Cox, Studio SWINE e Zuza Mengham.

DESIGNERS

Con una formazione umanistica e artistica, Marcin Rusak propone un percorso creativo che oscilla fra i riferimenti alla storia dell’arte e l’esplorazione di patterns ottenuti con materiali e tecniche di manipolazione dei nostri giorni. Utilizzando resina e fiori scartati, la collezione chiamata Flora temporaria (che comprende piani per tavoli, paraventi e lampade) potrebbe essere la versione contemporanea di alcuni famosi dipinti fiamminghi del 16° secolo. (www.marcinrusak.com)

paris-mo-rising-talent-marcin-rusak-flora-table


sponsored links

Marcin Rusak, tavolo e lampada Flora © Marcin Rusak

John Booth si è formato come designer dei tessuti; ha studiato alla Central St. Martins (dove ora è docente di Moda e design tessile) intuendo che poteva incanalare il suo interesse per la moda attraverso la passione per il disegno. Sia che progetti oggetti in ceramica, disegni stampe per i tessuti o si occupi di illustrazioni per il mondo della moda, John Booth segue lo stesso approccio; il suo lavoro è segnato dall’immediatezza e dalla forza del segno e dei colori primari. Fauve! (instagram.com/john_booth/)

paris-mo-rising-talent-john-booth-little-fattie-2

John Booth, Vasi. © John Booth

Giles Miller si è costruito una clientela internazionale grazie al suo uso visionario dei materiali di superficie che ha sviluppato dopo una collaborazione con la stilista Stella McCartney.
Ha lavorato per British Airways, Publicis, Selfridges, Ritz-Carlton Hotels, Hermes, Piper-Heidsieck Champagne e per il Design Museum di Londra. Lo studio della riflessione della luce e le leggi della fisica svolgono un ruolo evidente nelle opere di Giles Miller e il suo team di studio utilizza sia metodi tradizionali di produzione, come l’incisione con acidi e la fusione dello zinco, così come le più recenti tecnologie.(www.gilesmiller.com)

paris-mo-rising-talent-giles-miller

 Giles Miller, ‘Perspectives’  padiglione nel Surrey. © Giles Miller

Sebastian Cox è cresciuto circondato da boschi a fianco di un padre la cui professione era quella di restaurare gli edifici a graticcio. Ha fondato il suo studio/laboratorio nel 2010 in base al principio che il passato può essere usato per progettare e realizzare il futuro.
La spiccata sensibilità ambientale ed ecologica lo porta ad utilizzare il legno di alberi che possono essere tagliati perennemente e che lavora con tecniche tradizionali pur incorporando una estetica contemporanea.(www.sebastiancox.co.uk)

paris-mo-rising-talent-sebastian-cox-bayleaf

Sebastian Cox, Bayleaf settle. © Sebastian Cox.

L’architetto di origine giapponese Azusa Murakami e l’artista britannico Alexander Groves, fondatori dello Studio SWINE, sono “ossessionati” dai materiali, che cercano viaggiando per il mondo, dal Sud America alle più remote e poco abitate aree del Sud del Pacifico fino alla provincia cinese di Shandong.
Considerano il design come “agente del cambiamento” e lavorano per trasformare ciò che è stato scartato in oggetti di valore. (www.studioswine.com)

paris-mo-rising-talent-swine-benches-st-james

Studio SWINE, panche per il London’s St James’s Market. © Studio SWINE

Zuza Mengham crea oggetti scultorei e installazioni. Rifuggendo da categorie ed etichette, non si descrive come designer o come artista,  piuttosto ama  mettere in evidenza il suo interesse per la concezione di sculture-spazio o per il fare sculture che cercano una funzione. La resina, materiale poco utilizzato, offre a Zuza Mengham la possibilità di lavorare con le trasparenze e con un materiale che “non ha segreti” e che mostra i diversi stati attraverso cui si è evoluto nel corso del tempo. ( www.zuzamengham.com)

paris-mo-rising-talent-zuza-mengham

Zuza Mengham, contenitori-scultura per “Laboratory Perfumes Tonka” © Ilka An

paris-mo-january-20-24-2017

Immagini, courtesy of Maison & Objet, Paris


link sponsorizzato


More in Parigi

Parigi

Parigi



copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474

Questo sito usa cookie propri e di terze parti. I cookie sono comunemente utilizzati per il funzionamento corretto del sito (cookie tecnici), per misurare le preferenze di navigazione degli utenti (cookie statistici) e per la pubblicità (cookie di profilazione). I nostri lettori hanno il diritto di non accettare cookie statistici e di profilazione. Ma, abilitando tutti i cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza miglioreCookie policy