link sponsorizzato

NYC – Il Moma celebra il “buon design” come veicolo di democrazia

By admin - 2019-01-20

moma-good-design-500-giacosa

Dal 10 febbraio al 27 maggio 2019 il Museum of Modern Art di New York presenta la mostra “The Value of Good Design” (il valore del buon design”).

Copertina: Dante Giacosa (Italia, 1905–1996). Fiat 500, disegnata nel 1957 (nell’immagine una 500 del 1968). Prodotta da Fiat S.p.A. (Torino). The Museum of Modern Art, New York. Dono di Fiat Chrysler Automobiles Heritage. Foto di Jonathan Muzikar © The Museum of Modern Art.

Dai mobili agli elettrodomestici, dagli oggetti in ceramica e vetro all’ elettronica, dai mezzi di trasporto agli articoli sportivi, dai giocattoli alla grafica, la mostra “The Value of Good Design” esplora gli oggetti dal punto di vista del loro potenziale in quanto “veicoli di democrazia”, proprio a partire dalle iniziative di “Good Design” del MoMA che, dalla fine degli anni ’30 fino a gli anni ’50, si è impegnato per sostenere prodotti contemporanei, di alta qualità e per tutte le tasche. Il concetto di “Good Design” si è esteso anche oltre il Museo, attraverso l’azione concreta dei governi dei Paesi su entrambi i lati della cortina di ferro, che hanno abbracciato questa idea come strumento vitale per la ricostruzione sociale ed economica e per il progresso tecnologico negli anni che hanno seguito la fine della seconda guerra mondiale.

Questo respiro internazionale si riflette nella varietà e diversa provenienza dei molti oggetti in mostra: dalla Fiat Cinquecento, utilitaria di grande successo in Italia, alle macchine fotografiche della Germania dell’est, dai televisori giapponesi alle sedie di produzione brasiliana. Queste opere si affiancano agli oggetti iconici e inaspettati realizzati negli Stati Uniti, come la Chaise progettata dai coniugi Eames, gli utensili e gli attrezzi da lavoro, uno fra tutti il curioso “pulisci gamberi” di Irwin Gershen.

moma-good-design-cheese-slighter-shrimp-cleaner

A sinistra: John R. Carroll (Americano, 1892–1958). Presto Cheese Slicer (affetta formaggio). c. 1944. alluminio e acciaio. Prodotto da by R.A. Frederick Co. (United States). The Museum of Modern Art, New York. Dono di f Edgar Kaufmann, Jr.
A destra: Irwin Gershen (Americano). Attrezzo per pulire gamberi, 1954. Plastica  e acciaio. Prodotto da Plastic Dispensers Inc. The Museum of Modern Art, New York. 

La mostra solleva domande su cosa potrebbe significare oggi “Good Design” e se i valori della metà del secolo scorso possano essere tradotti e ridefiniti per il pubblico del 21 ° secolo. I visitatori sono invitati a giudicare da soli, provando alcuni classici del “buon design” ancora in produzione e scoprendo come il MoMA continui ad incubare nuovi prodotti e idee in uno scenario internazionale.

La mostra è organizzata da Juliet Kinchin, curatore e da Andrew Gardner, assistente curatoriale del Dipartimento di Architettura e Design del MoMA.

moma-good-design-max-bill-clock-sony-television

A sinistra: Max Bill (Svizzera, 1908–1994) Orologio da cucina, 1956–57. Ceramica, metallo e vetro. Prodotto da Gebrüder Junghans AG (Schramberg, Germania,1861). The Museum of Modern Art, New York. Foto di Thomas Griesel © The Museum of Modern Art.
A destra: Sony Corporation (Tokyo, Giappone, 1946). Televisore (TX8-301) 1959. Plastica, metallo e vetro, The Museum of Modern Art, New York. Dono di Jo Carole and Ronald S. Lauder.

moma-good-design-lamp-von-nessen

Greta Von Nessen (America-Svezia, 1898–1978). Anywhere Lamp (lampada) 1951. Alluminio e acciaio verniciato. Prodotta da Nessen Studio, Inc (New York, NY, est. 1927). The Museum of Modern Art, New York. 

The Value of Good Design
10 febbraio / 27 maggio, 2019
The Museum of Modern Art
11 West 53 Street – New York, NY 10019


link sponsorizzato


More in New York City

New York City

New York City




copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474