‘Modern & Vintage. Paris Design Fair’ celebra il design di Olivier Mourgue

2001-odissea-nello-spazio-stazione-orbitante-poltrone Djinn

Uno spazio bianco, asettico e abbacinante. Un uomo entra nella scena e viene salutato da un gruppo di persone che chiacchierano amabilmente stando sedute su alcune poltrone rosse dall’aspetto vagamente zoomorfo che punteggiano l’ambiente.
E’ una delle sequenze visivamente più potenti del capolavoro di Kubrick del 1968, “2001. A space Odissey”, quando il dottor Heywood Floyd fa tappa sulla  stazione spaziale orbitante prima di affrontare il viaggio che lo porterà sulla misteriosa base lunare di Clavius.
Le poltrone scelte dal grande regista inglese per arredare la hall dell’hotel della stazione orbitante, e che grazie al film sono diventate un ‘icona della modernità, sono le “Djinn chairs”, disegnate del  francese Olivier Mourgue nel 1965. E proprio al designer francese è dedicata una mostra che verrà allestita nel corso della 38° edizione di Modern & Vintage – Paris Design Fair,  in programma a Port de Versailles dal 5 all’ 8 aprile 2018.

Olivier-Mourgue-Djinn-Chairs-1965-Stanley-Kubrick-2001-a-space-odissey

Sopra e in copertina: Stanley Kubrick  “2001: A Space Odyseey”, 1968. La hall dell’Hilton Hotel sulla stazione orbitante con le poltrone della serie Djinn disegnate da Olivier Mourgue nel 1965.

Nel contesto dell’evento espositivo – dedicato esclusivamente al design vintage dagli anni ’50 al 2000 – il gallerista Jean-Yves Allemand ha deciso di rendere omaggio con una mostra al design di Olivier Mourgue.
Nato a Parigi nel 1939, Mourgue, a partire dagli anni ’60 si fa conoscere per le serie di mobili e oggetti per la casa dall’aspetto ludico e pop, tipico di quegli anni: come la lampada Flower disegnata per Disderot nel 1967 e la poltrona della serie Montreal, progettata in occasione dell’ Esposizione Universale del 1967. Ma la sua attività di designer conosce il vero momento di gloria con le poltrone della serie Djinn (la cui forma fu ispirata ai geni della cultura araba che possono adottare qualsiasi forma, umana o animale) scelte appunto dal grande Stanley Kubrick come emblema di mobile del futuro.
I sedili, progettati per la prima volta con una struttura in acciaio imbottita in poliuretano espanso e rivestiti in tessuto, mantengono ancora oggi, dopo 50 anni, la loro immagine “avveniristica”.

DJINN chair-Olivier-MOURGUE-1

Le sedute della serie Djinn – Design Olivier Mourgue © Visa Vu

Olivier-Mourgue-fauteuil-Montréal-F-Gaillard-1967-Djinn-chair-1965

A sinistra: © fauteuil Montréal – Mourgue F Gaillard 1967. A destra: © série DJINN- Design Olivier MOURGUE © VISA-VU .

Olivier-Mourgue-lamp-flower

© Appilques Flower – Design Olivier Mourgue per Disderot

Images courtesy of Modern & Vintage – Paris Design Fair.  https://www.pucesdudesign.com/fr/

 


link sponsorizzato


Altro a Parigi

Parigi

Parigi


copyright Inexhibit 2021 - ISSN: 2283-5474