link sponsorizzato

Maison&Objet Paris 2018 | dall’Italia 6 talenti del design per “Rising Talents Awards”

By FEDERICA LUSIARDI - 2018-01-26

Nella prossima edizione di Maison&Objet Paris – che si terrà dal 19 al 23 gennaio 2018 – il “Rising Talents Awards” sarà dedicato all’Italia.

copertina: GUGLIELMO POLETTI – Equilibrium stool, foto © Giulia Piermartiri.

L’attenzione ai talenti emergenti contraddistingue da sempre Maison & Objet, che ogni anno con il “Rising Talents Awards” accende i riflettori sui giovani designers provenienti da diverse nazioni. A gennaio 2018 sei designers italiani emergenti – scelti da altrettanti mèntori – avranno l’opportunità di presentare al pubblico la propria filosofia progettuale in uno spazio dedicato.
Dal 1995, MAISON&OBJET è l’appuntamento internazionale dei professionisti dell’arredamento e del design che riunisce quasi 3.000 espositori e oltre 85.000 visitatori unici.

FEDERICA BIASI, selezionata da Andrea Branzi, si è laureata nel 2011 all’Istituto Europeo di Design. Dopo un esperienza lavorativa ad Amsterdam, dove è entrata in contatto con  la semplicità formale del design nordico, è tornata in Italia: oggi è Art Director per Mingardo e collabora come consulente creativa per Fratelli Guzzini. Oltre alla ricerca dedicata ai singoli brand, Federica Biasi progetta oggetti in ceramica, arredi e prodotti tessili facendo riferimento alle eccellenze artigiane italiane.

maison-&-objet-paris-rising-talents-federica-biasi


sponsored links

FEDERICA BIASI. Sopra fotoritratto © Andrea Olivo; Elettra, vaso by Mingardo
sotto: Ella, madia in noce canaletto.

Selezionato da Giulio Cappellini, anche ANTONIO FACCO si è laureato all’ IED- Istituto Europeo di Design di Milano. Il suo lavoro spazia dal design di prodotto a quello per interni, e comprende grafica, fotografia, allestimento. A MAISON&OBJET, Facco presenterà uno scenario multidisciplinare che vuole essere  una riflessione sulla percezione contemporanea del tempo e che verrà proposto ai visitatori come uno spazio partecipativo.

maison-&-objet-rising-talents-paris-jan-2018-antonio-facco

ANTONIO FACCO. Sopra: fotoritratto © Annica Eklund ; Anemos, tavolo e sedute by Cappellini. Sotto: Mondo pendant, lampada a sospensione by Oblure

Oltre agli studi di architettura all’Ecole Speciale d’Architecture di Parigi e al Royal Melbourne Institute of Technology, per MARCO LAVIT NICORA sono state fondamentali le collaborazioni con Riccardo Blumer e con lo studio parigino LAN Architecture. Nel 2014 ha fondato a Parigi, dove attualmente vive, lo studio Atelier LAVIT che si occupa di design e di architettura.
Afferma Rosita Missoni : “Marco Lavit Nicora è un giovane talento che si inserisce in quella tradizione italiana di designer che pongono l’utilità come obiettivo finale, utilizzando quanto di meglio il nostro paese offra dal punto di vista dei materiali e dell’artigianato”.

maison-6-objet-paris-rising-talents-january-2018-atelier-lavit-marco-lavit-nicora

MARCO LAVIT NICORA. Sopra, fotoritratto  © Gaï Tordjman ; ATEM modular sofa, Nilufar gallery, foto © Danielelodice. Sotto: Venezia chair, Nilufar gallery, foto © Marco Lavit Nicora.

Presentato da Piero LissoniKENSAKU OSHIRO si è laureato in Industrial Design alla Scuola Politecnica di Design di Milano nel 1999. Ha collaborato con diversi studi di progettazione tra i quali Lissoni Associati e BarberOsgerby a Londra per poi tornare a Milano dove ha fondato il suo studio. Negli ultimi anni ha collaborato con brand come Boffi, De Padova, Gan, Glas Italia, Kristalia, Ligne Roset, Poltrona Frau, Viccarbe e Zanotta. Numerosi i riconoscimenti internazionali: dal primo premio al Design Report Award del Salone Satellite Milano nel 2006 fino all’EDIDA – Young Designer Talent Japan Edition nel 2016.

maison-&-objet-Paris-rising-talents-january-2018-kensaku-oshiro

KENSAKU OSHIRO – Sopra: LEPLì, Poltrona Frau, foto © Oriani Origone ; fotoritratto © Jeremias Morandell. Sotto: SEN, De Padova, foto © Kensaku Oshiro

FEDERICO PERI, dopo la laurea, grazie a una borsa di studio si è trasferito a Parigi  dove ha potuto incontrare designer come Ronan e Erwan Bouroullec e Matali Crasset.  La cifra più interessante del suo lavoro è la progettazione di arredi capaci di instaurare un rapporto con l’ambiente e stimolare una sorta di rito quotidiano con gli utenti, come la “bibloteca itinerante” e “living in a chair”.  A M&O Paris Federico Peri – presentato da Luca Nichetto – esporrà sia prodotti in edizione limitata che oggetti di produzione seriale.  Tra le aziende con cui collabora va segnalata Fontana Arte, mentre la galleria di design milanese Nilufar rappresenta i suoi prodotti in edizione limitata.

maison-&-objet-paris-rising-talents-january-2018-federico-peri

FEDERICO PERI – Sopra: fotoritratto di Tommaso Balasso; biblioteca itinerante © studio Rocci
Sotto: Galerie floor lamp di Fontana Arte

presentato da Rossana Orlandi, GUGLIELMO POLETTI si è specializzato alla Design Academy di Eindhoven dove attualmente risiede. Gli arredi della serie Equilibrium – panca, console, sgabello – che presenterà a M&O sono espressione del suo approccio sperimentale al design del prodotto. Si tratta di strutture al tempo stesso semplici e complesse, che sembrano sfidare le qualità fisiche dei materiali, e nelle quali la connessione fra le parti è risolta attraverso piccole invenzioni e dettagli non convenzionali. Una pratica progettuale che si potrebbe definire di thinking by doing a cui sono associate intuizione e coerenza formale.

maison-&-objet-paris-rising-talents-january-2018-guglielmo-poletti

GUGLIELMO POLETTI – Above: portrait Giulia Piermartiri ; Equilibrium console, foto © Giulia Piermartiri. Sotto: Equilibrium bench, foto © Giulia Piermartiri.

RISING TALENTS
MAISON&OBJET PARIS
19 / 23 gennaio 2018

Photo courtesy of M&O Paris – All rights reserved


link sponsorizzato


More in Parigi

Parigi

Parigi



copyright Inexhibit 2019 - ISSN: 2283-5474

Questo sito usa cookie propri e di terze parti. I cookie sono comunemente utilizzati per il funzionamento corretto del sito (cookie tecnici), per misurare le preferenze di navigazione degli utenti (cookie statistici) e per la pubblicità (cookie di profilazione). I nostri lettori hanno il diritto di non accettare cookie statistici e di profilazione. Ma, abilitando tutti i cookie, ci aiuterete ad offrirvi un’esperienza miglioreCookie policy