sponsored links

Hello, Robot. Il design fra uomo e macchina in mostra al Vitra

Di FEDERICA LUSIARDI - marzo 29, 2017

Dal prossimo 11 febbraio e fino al 14 maggio 2017 il Vitra Design Museum di Weil am Rhein presenta la mostra temporanea “Hello, Robot. Design zwischen Mensch und Maschine” (Design fra uomo e macchina).

copertina: AKA, “Musio K”, © AKA, LLC 

Che sia espressa sotto forma di droni per la consegna di merci, di sensori intelligenti o di macchine per l’industria 4.0, negli ultimi anni la robotica ha trovato sempre più spazio anche nella vita quotidiana, cambiandola in modo sostanziale. Il design ha un ruolo centrale in questo processo perché sono i designers a progettare le interfacce tra l’uomo e le macchine.

La mostra “Hello, Robot” al Vitra, esporrà oltre 200 fra oggetti, opere d’arte e immagini attraversando i campi del design e della creatività, inclusi i robot per la casa, per la cura dei bambini e per l’industria, così come giochi, installazioni ed esempi tratti dall’immaginario letterario e cinematografico.

vitra-hello-robot-dunne-and-raby-robot

Dunne & Raby, “Robot 4: Needy One”,  da Technological Dream Series: No. 1, Robots, 2007 © 2016 Dunne & Raby. Foto: Per Tingleff

vitra-hello-robot-historic-toy-robots

Produttori diversi, collezione di Robot – giocattolo, 1956 – 1980. Courtesy private collection.
Foto: Andreas Sütterlin, 2016.

vitra-hello-robot-v-fournier-reem

Vincent Fournier, “Reem B #5 [Pal], Barcelona, Spain”, da: “The Man Machine”, 2010,
© Vincent Fournier.

La mostra è ordinata secondo 4 sezioni tematiche, la prima delle quali ripercorre il fascino che gli esseri umani “artificiali” hanno a lungo esercitato sulle persone in età moderna, e guarda a come la cultura popolare ha plasmato la nostra percezione dei robot.
La seconda sezione è dedicata al primo campo in cui la robotica ha fatto passi avanti, ovvero l’industria e il mondo del lavoro. Lo spettro di oggetti in mostra va dai robot industriali classici a un’installazione dal gruppo RobotLab, in cui un robot che produce manifesti apre una riflessione su dove stia il confine tra il lavoro che può essere automatizzato e la creatività umana.
La terza delle sezioni ci mostra come ci siamo gradualmente abituati alla relazione con i robot, che sono diventati amici e aiutanti nella vita quotidiana, nelle cure infermieristiche, come compagnia digitale o, anche, per il sesso virtuale. Infine, la quarta sezione esamina il confine sempre più indefinito tra umani e robot, esemplificato dal nostro vivere edifici e città intelligenti, o attraverso micro-sensori che possono essere impiantati nel nostro corpo.

vitra-hello-robot-schmitt-voigt-robotic-natives

Stephan Bogner, Philipp Schmitt e Jonas Voigt, “Raising Robotic Natives”, 2016,
© Jonas Voigt.

vitra-hello-robot-francis-bitonti-studio-molecule-shoe

Francis Bitonti Studio Inc., “Molecule Shoe”, 2015, 3D print, © Francis Bitonti.
Foto: 2017 Museum of Fine Arts, Boston.

Elytra Filament Pavilion“, progettato da un team della University of Stuttgart, (ed esposto l’anno scorso al Victoria & Albert Museum di Londra), sarà visitabile all’esterno del museo; il padiglione è stato costruito con moduli definiti da un algoritmo e realizzati con l’ausilio di un robot industriale.

vitra-hello-robot-elytra-filament-pavilion

“Elytra Filament Pavilion”.Vista dell’installazione al Victoria & Albert Museum di Londra © NAARO, 2016 

Hello, Robot. Design fra uomo e macchina
mostra temporanea – 11 febbraio / 14 maggio 2017
Vitra Design Museum
Charles-Eames-Straße 2
79576 Weil am Rhein

Immagini, courtesy of Vitra Design Museum www.design-museum.de/en


Di più su Basilea

Basilea

Basilea


sponsored links