link sponsorizzato

Al CCCB di Barcellona la mostra “Stanley Kubrick”, fino al 31 marzo 2019

Di admin - dicembre 6, 2018

Dal 24 ottobre 2018 al 31 marzo 2019, il CCCB – Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona presenta la mostra “Stanley Kubrick“.  Ripercorrendo la carriera creativa del grande regista (1928-1999), la mostra ha inizio dai suoi anni formativi come fotografo, si sviluppa attraverso i materiali legati ai 12 lungometraggi e si chiude con i progetti che sono rimasti incompleti o sono stati continuati da altri registi.

copertina: A Clockwork Orange, (Arancia meccanica) diretto da Stanley Kubrick (1970-71; GB/United States) Alex DeLarge (Malcolm McDowell)  © Warner Bros. Entertainment Inc.

Nella storia nel cinema, Kubrick è uno dei pochissimi che può essere inserito senza dubbi tra i più grandi registi di sempre. Un Maestro del cinema che ha saputo reinventare anche i “generi”.
Ma Kubrick ci interessa soprattutto perché la sua attenzione alla costruzione di ogni scena e dello spazio dell’azione, ha trasformato i fotogrammi dei suoi film in immagini emblematiche, potenti metafore visive, studiate nelle scuole di cinema ma citate anche nella cronaca, nella pubblicità e nella comunicazione. E proprio questo suo costruire meticolosamente gli ambienti in cui far muovere i personaggi fa sì che i film di Kubrick siano per noi miniere affascinanti di spazi, arredi, oggetti e abiti che percepiamo da sempre come perfettamente sintonizzati con la loro epoca. In realtà, il cinema di Kubrick ha influenzato sia l’immaginario del proprio tempo che contribuito potentemente a definire i contorni visivi dei diversi periodi in cui sono ambientati i film, trasformando le immagini in vere e proprie icone.
Le Djinn chairs che arredano la stazione spaziale di 2001, l’architettura del quartiere londinese di Thamesmead e il Korova Milk Bar dove vive e si muovono i protagonisti di Arancia Meccanica, la moquette a motivi geometrici che riveste i corridoi dell’ Overlook hotel, solo per citare alcuni esempi emblematici, sono centrali nella definizione delle atmosfere che ognuna delle opere di Kubrick sa ancora oggi restituirci.

CCCB-Barcellona-08-Lolita-Stanley-Kubrick

Lolita, diretto da Stanley Kubrick (1960-62; GB/United States)
Sue Lyon nei panni di Dolores ‘Lolita’ Haze. © Warner Bros. Entertainment Inc.

kubrick-set-dr-strangelove-bn

Dr. Stranamore ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba, diretto da Stanley Kubrick (1963-64; GB/United States). Stanley Kubrick e George C. Scott giocano a scacchi nella War Room. © Sony/Columbia Pictures Industries Inc.

CCCB-Barcellona-23-shining-Stanley-Kubrick

The Shining, diretto da Stanley Kubrick (1980; GB/United States)
Le figlie dell’ex custode Grady (Lisa and Louise Burns). © Warner Bros. Entertainment Inc.

Cosa troveremo in mostra

Nel 2003, l’eredità di Stanley Kubrick è stata, per la prima volta, resa accessibile e valutata. Gli archivi di lavoro contenevano molti materiali relativi a tutti i suoi film: documenti di ricerca e produzione, sceneggiature, corrispondenza, oggetti di scena, costumi, macchine fotografiche e obiettivi. La mostra al CCCB ripercorre l’opera completa del regista attraverso una ampia selezione di questi materiali, dalle proiezioni su grande schermo al materiale audio e video che illustra il dietro le quinte delle produzioni cinematografiche, dagli oggetti di scena originali ai testi.

Su una superficie di circa 1.000 metri quadrati l’intera carriera del regista è documentata, a partire dai suoi primi brevi cortometraggi per terminare con il suo ultimo film, Eyes Wide Shut (1999). Vengono presentati capolavori come “2001: A Space Odyssey” (1968), “A Clockwork Orange” (1971), “Barry Lyndon” (1975) e “The Shining” (1980). Costumi originali e oggetti di scena illustrano elementi chiave nei film di Kubrick: tra questi il costume dell’ uomo-scimmia di 2001: Odissea nello spazio, gli abiti delle sorelle gemelle e l’ascia di Jack Torrance di “The Shining”, l’elmetto “Born to Kill” di “Full Metal Jacket” (1986) e le maschere di “Eyes Wide Shut”.

Anche i progetti non realizzati di Stanley Kubrick, “Napoleon” e “Aryan Papers” sono presentati in mostra. I materiali documentano lo stato di avanzamento ata e il lavoro di pre-produzione del suo film sull’imperatore francese e l’adattamento cinematografico del romanzo di Louis Begley “Wartime Lies”. Non da ultimo, la mostra si occupa anche della carriera iniziale di Kubrick come giovane fotografo assunto dalla prestigiosa rivista LOOK.

CCCB-Barcellona-27-Stanley-Kubrick-Kidman-Cruise

Eyes Wide Shut, diretto da Stanley Kubrick (1999; GB/United States)
Tom Cruise, Nicole Kidman e Stanley Kubrick durante una pausa sul set.
© Warner Bros. Entertainment Inc.

CCCB-Barcellona-14-2001-odissea-Stanley-Kubrick

2001: A Space Odyssey, (2001: odissea nello spazio) diretto da Stanley Kubrick (1965-68; GB/United States). Immagine dal film.© Warner Bros. Entertainment Inc.

Olivier-Mourgue-Djinn-Chairs-1965-Stanley-Kubrick-2001-a-space-odissey-1

Sopra : Stanley Kubrick  “2001: A Space Odyssey”, 1968. La hall dell’hotel Hilton sulla stazione orbitante arredata le poltrone della serie Djinn disegnate da Olivier Mourgue nel 1965. © Warner Bros. Entertainment Inc.

La mostra “Stanley Kubrick”
Curatori: Hans-Peter Reichmann, Tim Heptner, Deutsches Filminstitut (Francoforte)
Curatore a Barcellona: Jordi Costa i Vila
Design dell’allestimento: Víctor Imperial e Andrés Ibáñez
Una mostra del Deutsches Filmmuseum, Francoforte sul Meno, Christiane Kubrick, Jan Harlan e Stanley Kubrick Archive presso l’University of the Arts di Londra, con il supporto di Warner Bros. Entertainment Inc., Sony-Columbia Pictures Industries Inc., Metro Goldwyn Mayer Studios Inc., Universal Studios Inc. e SK Film Archives LLC.


immagini dell’allestimento

kubrick-exhibition-barcelona-installation-view-01

kubrick-exhibition-barcelona-installation-view-02

kubrick-exhibition-barcelona-installation-view-03

Stanley Kubrick
CCCB – Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
(Centro di cultura contemporanea di Barcellona)
Montalegre, 5 – Barcellona
Dal 24 ottobre 2018 al 31 Marzo 2019


link sponsorizzato


Di più su Barcellona

Barcellona

Barcellona