AGAINandAGAINandAGAINand. Al MAMbo di Bologna 7 artisti esplorano il tema del tempo

Again-and-again-3-Francesconi-MAMbo-Bologna

AGAINandAGAINandAGAINand.
Al MAMbo di Bologna 7 artisti esplorano il tema del tempo

AGAINandAGAINandAGAINand è la collettiva che apre la stagione espositiva 2020 del MAMbo La Sala delle Ciminiere del museo bolognese appare trasfigurata dalle opere di sette tra i più noti artisti contemporanei: Ed Atkins, Luca Francesconi, Apostolos Georgiou, Ragnar Kjartansson, Susan Philipsz, Cally Spooner, Apichatpong Weerasethakul.

copertina: Luca Francesconi, Fish, 2020, Scardola essiccata, cadmio
Vista dell’installazione al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2020
Foto Enrico Parrinello, Courtesy l’artista e Galleria Umberto di Marino, Napoli

Il tema della ciclicità e del superamento della rappresentazione lineare del tempo pervade il dibattito scientifico contemporaneo a tal punto da poter essere considerato dai fisici il centro di una rivoluzione del pensiero che ci sta portando a riconsiderare l’idea stessa di tempo attraverso nuove teorie come quella delle stringhe e della gravità quantistica a loop. AGAINandAGAINandAGAINand esplora il tema del loop e della ciclicità nella contemporaneità, analizzandolo da prospettive differenti attraverso le opere di artisti che hanno posto questo tema al centro della propria ricerca.
Il progetto espositivo si sviluppa seguendo diversi approcci: uno sociologico, che guarda all’impatto delle nuove tecnologie e dei nuovi sistemi di organizzazione del lavoro sulla vita psicologica e fisica dell’essere umano; uno filosofico e religioso, che trae ispirazione da forme di conoscenza, basate sulla filosofia olistica, sulla reincarnazione e sulla ciclicità temporale; ed uno ecologico, che propone nuovi modelli di produzione e consumo basati su una rinnovata coscienza della cultura rurale.
Gli autori delle opere allestite negli spazi del MAMbo provengono da differenti parti del mondo e problematizzano il tema, mostrando come nell’arte sia oggi presente una riflessione sul tempo e sulle forme di conoscenza e di potere che da esso scaturiscono. Spaziando tra i diversi media – performance, video, scultura, pittura, fotografia e installazione – il progetto propone un percorso strutturato in ambienti immersivi, caratterizzati da intensità temporali differenti.
Curata da Lorenzo Balbi con l’assistenza di Sabrina Samorì, la mostra è uno dei Main project di ART CITY Bologna 2020, il programma istituzionale di mostre, eventi e iniziative speciali promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere.

Again-and-again-1-Atkins-MAMbo-Bologna

Ed Atkins, Safe Conduct, 2016
Video a tre canali, sonoro. Vista dell’ allestimento presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2020. Foto Enrico Parrinello. Courtesy l’artista e Cabinet, Londra. Collezione Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Again-and-Again-5-Georgiou-MAMbo-Bologna

Apostolos Georgiou, Veduta dell’allestimento presso il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2020. Foto Enrico Parrinello. Da sinistra :
Untitled, 2019, acrilico su tela. Courtesy l’artista e Rodeo, Londra/Pireo
Untitled, 2019, acrilico su tela. Courtesy l’artista e Rodeo, Londra/Pireo
Untitled, 2018, acrilico su tela. Collezione privata, Atene

Again-and-again-8-Kjartansson-MAMbo-Bologna

Ragnar Kjartansson, Bonjour, 2015, Installazione-performance
Vista dell’installazione al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2020
Foto Gabriele Lepri. Courtesy l’artista, Luhring Augustine, New York e i8 Gallery, Reykjavik

Again-and-again-17-Spooner-MAMbo-Bologna

Cally Spooner, DRAG DRAG SOLO, 2016, Proiezione a canale singolo su schermo divisorio trasparente sospeso, muto, 11′ 20”. Vista dell’installazione al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, 2020. Foto Enrico Parrinello.
Commissionata dal ‘Centre d’Art Contemporain Genève’ per l’edizione 2016 della ‘Biennale de l’Image en Mouvement’. Courtesy l’artista, gb agency, Parigi e ZERO… Milano

Again-and-again-Philipsz-1-MAMbo-Bologna.

Susan Philipsz, Guadalupe, 2003/2019. Installazione sonora monocanale, 7′ 33”.
Installazione al ‘Projekt Migration’, Köln, 2005. Courtesy l’artista e Galerie Isabella Bortolozzi, Berlino.

AGAINandAGAINandAGAINand
mostra temporanea
23 gennaio / 3 maggio 2020
MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
via Don Minzoni 14 – 40121 Bologna
www.mambo-bologna.org


link sponsorizzato


copyright Inexhibit 2020 - ISSN: 2283-5474