I grandi fotografi di architettura: Iwan Baan

I grandi fotografi di architettura: Iwan Baan

Ningbo Museum Iwan Baan

I grandi fotografi di architettura: Iwan Baan

Nato ad Alkmaar (Paesi Bassi) nel 1975, Iwan Baan è considerato da molti il fotografo di architettura più influente al mondo: gli si riconosce un approccio “umanistico” alla rappresentazione architettonica, lontano dal modo più usuale di vedere lo spazio costruito.
Baan, che ha studiato fotografia alla Royal Academy of Art dell’Aia, e non ha una formazione architettonica, ha sviluppato da autodidatta un approccio personale alla fotografia di architettura.
Rem Koolhaas, per primo, ha intuito che la modalità quasi ‘documentaristica’ di Baan era un approccio originale e inedito. Baan infatti non concentra la sua attenzione solo sull’edificio, ma tende a costruire vere e proprie scene nelle quali l’architettura entra in risonanza con il contesto urbano e ambientale e si rapporta con la componente umana che la abita.

Baan ha seguito il suo interesse per la fotografia di documentazione prima di restringere la sua attenzione  sui vari modi con cui individui, comunità e società interagiscono all’interno del loro ambiente costruito“. (dal sito web di Iwan Baan).

Nelle sue foto le persone non sembrano mai posare o essere “dirette” da qualcun altro; agiscono sempre in modo molto naturale e casuale, insomma, piuttosto che come fotografia di architettura il suo lavoro potrebbe essere definito come “fotogiornalismo architettonico”.
Questo interesse per il rapporto tra persone e architettura è particolarmente evidente in immagini come quelle che ha scattato alla Torre David, incompiuta, di Caracas, che ha vinto il Leone d’Oro alla Biennale di Architettura di Venezia 2012, come quelle per il Konokono Vaccination Center progettato da SelgasCano in Kenya, o nella serie per la palestra Arena do Morro di Herzog & de Meuron in Brasile. (Ci spiace di non poter pubblicare immagini di questi progetti per ragioni di copyright, le trovate comunque sul sito ufficiale di Iwan Baan: https://iwan.com/)

Iwan Baan portrait

Iwan Baan ritratto a Chandigar, India, nel 2010; foto Sanyam Bahga (CC BY-SA 3.0).

Sebbene tecnicamente molto rigoroso (difficilmente si vedono linee che non siano perfettamente verticali nelle sue foto), Baan non prepara i suoi scatti in modo ossessivo come fanno molti fotografi di architettura, aspettando per ore la luce o il cielo perfetto, al contrario scatta in modo istintivo a ogni ora del giorno, mezzogiorno compreso, (cosa piuttosto insolita per un fotografo di architettura), viaggia leggero e senza assistenti e lavora sempre con la macchina fotografica a mano, senza cavalletto. Tuttavia, spesso noleggia un elicottero per fotografare gli edifici dall’alto. L’attrezzatura preferita di Baan comprende fotocamere digitali Canon da 35 mm, solitamente abbinate a obiettivi da grandangolari a medio tele. Utilizza anche un iPhone di Apple per scattare foto e video che pubblica regolarmente sulla sua pagina Instagram.

Il fatto di non utilizzare cavalletti o fotocamere high-end a medio formato non impedisce a Baan di realizzare fotografie tecnicamente “estreme”, come la celebre “La città e la tempesta”, un’immagine notturna di Manhattan durante il blackout che seguì l’uragano Sandy, nel 2012, che venne scattata da Baan a mano libera da un elicottero preso a noleggio usando un obbiettivo 24-70mm e una fotocamera Canon EOS-1D X, impostata a 25.600 ISO, esposizione 1/40 di secondo e diaframma f/2.8. Dopo essere stata sulla copertina del New York Magazine, l’immagine è stata usata da MoMA per realizzare dei poster a sostegno delle persone colpite dall’uragano ed ha vinto il prestigioso premio Cover of the Year dell’American Society of Magazine Editors (potete vedere questa immagine qui sul sito web ufficiale di Iwan Baan). Questo scatto iconico, insieme ad altri realizzati dal fotografo olandese a new York nella notte del 29 ottobre 2012, dimostra  la capacità di Baan di trasformare le sue indubbie doti tecniche in espressività.

Centro Heydar Aliyev Baku Zaha Hadid

Heydar Aliyev Center, Baku, Azerbaigian – Zaha Hadid Architects, 2012, © Iwan Baan. 

Harbin Opera House, MAD, Iwan_Baan

Harbin Opera House, Harbin, Cina – MAD Architects, 2016; © Iwan Baan.

danish-pavilion-expo-shaghai-2010-bjarke-ingels-group-interior-05

Il padiglione della Danimarca a Expo Shanghai 2010 – BIG Bjarke Ingels Group; © Iwan Baan.

Makoko floating school aerial, Iwan Baan

Scuola galleggiante Makoko, Lagos, Nigeria – Kunlé Adeyemi NLÉ, 2013; © Iwan Baan.

 Louisiana-museum-Wang Shu -Zhongshan Rd-7872

Amateur Architecture Studio, Road Renovation, Hangzhou, Cina, 2009, © Iwan Baan; Louisiana Museum of Modern Art.

Museo Cinese della Scultura Lignea, Harbin, Cina, MAD Architects, © Iwan Baan. 


link sponsorizzato


copyright Inexhibit 2022 - ISSN: 2283-5474