Museum and exhibition projects

The Seed – Bologna / Italy

Print Friendly
facebooktwittergoogle_pluspinterest
Place: Bologna, Country: Italy
Client: Cefa Onlus - Exhibition period: 6 September / 6 October 2013.
Design project:
CICLOSTILE ARCHITETTURA
Giacomo Beccari, Gaia Calamosca, Alessandro Miti.
Text and images courtesy of Ciclostile Architettura - Bologna / Italy
http://www.ciclostilearchitettura.me/
photos: Fabio Mantovani, Alberto Giancani.

Introductionby Federica Lusiardi

The seed is the project for an open-air temporary pavilion, in many aspects exemplary of such type of structures: a shape capable also to convey a message, inexpensiveness and a simple building process. The organic form, logical consequence of the metaphor adopted by the authors, that of a seed, has been obtained by layering flat silhouettes simply screwed to wood battens. Furthermore, the clearness of the design allowed the structure to be assembled by non-specialised volunteers.

vista_1

a view of the pavilion – copyright Ciclostile architettura – photo Fabio Mantovani.

Project report – by Ciclostile architettura

The Seed of Solidarity is a temporary pavilion for Cefa Onlus, a non-governmental voluntary service organization. The municipal administration of Bologna has hosted the Seed in Piazza Nettuno, to allow the association meet the city in the two weeks before the World Food Day.

tecnico insieme

plans, cross-sections and detailed drawings of the Seed.

The Seed is designed to accommodate a dozen people, the depth of the ribs that compose it, draws two tables at different heights and a bench, circular form is capable of creating an intimate atmosphere despite the large visual permeability. The ribs are the backbone, are the furniture and the shading system, are separated by wood battens, the only other element, in addition to the screws, which composes the constructive system.

costruzione

The Seed during construction, copyright Ciclostile architettura – photo by Alberto Giancani.

vista_2

vista_3

Other views of the pavilion – copyright Ciclostile architettura – photo Fabio Mantovani

 

Introduzione - Federica Lusiardi

Il progetto the Seed, che rientra nella tipologia dei padiglioni temporanei open air, riassume i caratteri essenziali cui deve rispondere questa particolare tipologia: necessità di comunicare un messaggio attraverso la forma, economicità , facilità realizzativa. In questo caso il progetto assolve alle condizioni ed è particolarmente interessante perchè la metafora del seme, che richiede di essere trasposta in una forma di tipo organico, è stata resa attraverso la semplice ripetizione di sezioni piatte orizzontali avvitate ai morali. La chiarezza della concezione ha anche permesso il montaggio del padiglione da parte di personale volontario non specializzato.

vista_1

Vista del padiglione – copyright Ciclostile architettura – photo: Fabio Mantovani

Scheda di progettotesto di Ciclostile architettura

Il Seme della Solidarietà è un padiglione temporaneo per Cefa Onlus, una Organizzazione Non Governativa di Volontariato Internazionale. L’amministrazione Comunale di Bologna l’ha ospitato in Piazza Nettuno per permettere all’associazione di incontrare la città e raccontarsi nelle due settimane antecedenti la Giornata mondiale dell’alimentazione.

tecnico insieme

Piante, sezioni, prospetti ed esecutivi delle coste orizzontali – copyright Ciclostile architettura

Il Seme è studiato per accogliere una decina di persone, la profondità delle costole che lo compongono disegna due tavoli a diverse altezze ed una panca, la forma circolare è capace di creare un’atmosfera raccolta nonostante la grande permeabilità visiva. Le costole sono la struttura portante, sono gli elementi d’arredo e il sistema di ombreggiamento, sono distanziate da morali di legno, l’unico altro elemento, oltre alle viti, che compone il sistema costruttivo.

costruzione

Fasi della costruzione del Seed – copyright Ciclostile architettura – foto Alberto Giancani.

vista_2

vista_3

Viste del padiglione – copyright Ciclostile architettura – foto Fabio Mantovani

 



Thank you for reading us! The Inexhibit team